Supermercato, da luglio cambia tutto: occhio alla multa mentre fai la spesa | Che bastonata

Da luglio cambia tutto al supermercato e in negozio. Il Governo Draghi prosegue la sua lotta contro il denaro contante. Intende scoraggiare il più possibile l’uso dei contanti rendendolo sempre più complicato e scomodo. 

Multa spesa
Multe nei supermercati – Lettoquotidiano.it

Il pagamento ideale per il governo è quello tracciabile, ovviamente per contrastare l’evasione fiscale. A partire dal 30 giugno, quando fai la spesa al supermercato o in un negozio, attenzione a questa novità o si rischia una multa.

Supermercato: da luglio cambiamenti in vista per la spesa in contanti

Tanto per cominciare, l’anno prossimo il limite per i pagamenti in contanti passerà da 2000 a 1000 euro. Ciò vuol dire che, per il 2022, superare i 2000 euro in contanti si traduce in una sanzione mentre, per il 2023, la multa scatterà con i pagamenti anche di 1000 euro in denaro contante.

supermercato
supermercato sanzione spesa – Lettoquotidiano.it

Scatteranno anche i limiti massimi per il contante che si porta con sé o che si ha in casa. Troppo denaro trovato addosso o in casa può portare a controlli ed eventuali sanzioni.

Il vero giro di vite del governo riguarda però gli acquisti al supermercato ed in negozio.

Al momento del pagamento succede che…

La vera novità riguarda il momento del pagamento. Il governo si concentra sulla spesa al supermercato e nei negozi, quella più prevedibile, per contrastare il pagamento con denaro contante a tutto vantaggio di quello elettronico e tracciabile.

Quando gli italiani faranno la spesa o acquisti in qualunque negozio, a partire dal 30 giugno, l’esercente non potrà più pretendere il pagamento in cash.

Pagamenti supermercato: quando si rischia la sanzione

Se finora l’esercente poteva rifiutarsi di ricevere il pagamento con carte di credito e bancomat in favore del contante, a decorrere dal 30 giugno tutto cambia. A partire da luglio il commerciante che rifiuterà il pagamento elettronico rischia una sanzione di 30 euro, oltretutto maggiorati in base all’importo speso.

Con questa mossa, il governo ha la seria intenzione di rendere difficoltoso l’utilizzo di denaro contante. L’obiettivo è ridurne l’utilizzo fino alla progressiva sparizione per far emergere il pagamento elettronico e tracciabile per la lotta contro l’evasione fiscale o il riciclaggio di denaro sporco.

supermercato
supermercato sanzione spesa – Lettoquotidiano.it