Auto piomba sull’asilo a L’Aquila, il ricordo del piccolo Tommaso morto a 4 anni: “Era dolcissimo”

Il dramma si è registrato nel pomeriggio di mercoledì, 18 maggio, all’asilo Pile – Primo Maggio all’Aquila. 

asilo l'Aquila
Asilo all’Aquila – LettoQuotidiano.it

Un’auto parcheggiata sulla discesa d’ingresso dell’asilo ha travolto e ucciso il piccolo Tommaso, ferendo altri 5 bambini, uno dei quali è ancora in gravi condizioni.

Dramma all’asilo Pile – Primo Maggio: morto un bambino di 4 maggio

Pochi secondi e tutto è cambiato. Un’auto ha travolto dei bimbi che tranquillamente giocavano nel giardino dell’asilo in un tranquillo pomeriggio di primavera.

Sei in totale i bimbi investiti, uno dei quali, il piccolo Tommaso D’Agostino, 4 anni, è morto durante il trasferimento in ospedale.

Per gli altri 5 si è reso necessario il ricovero in ospedale. Uno di loro è in condizioni piuttosto serie, ma fortunatamente stabili all’ospedale Bambino Gesù di Roma. Il bambino è ricoverato nel reparto di terapia intensiva.

Per il piccolo Tommaso, nonostante una corsa d’urgenza all’ospedale de L’Aquila e il tentativo dei sanitari di rianimarlo, non c’è stato nulla da fare.

“Era il mio piccolo amore, una personcina particolare e speciale. Forse troppo delicato per questo mondo. Un bambino sensibile, empatico, dolcissimo”

ha detto tra le lacrime la zia del bambino, Giusi Fonzi, dopo essere giunta in ospedale, dove il nipotino è arrivato già morto.

La proprietaria dell’auto rischia l’accusa di omicidio stradale

L’auto che ha travolto i sei bambini, mentre giocavano in giardino, è di proprietà della mamma di due gemellini di 5 anni che frequentano quella stessa scuola.

La donna, una 38enne di origini bulgare, rischia ora l’accusa di omicidio stradale.

Nell’auto, una Passat grigia, la mamma avrebbe lasciato l’altro figlio di 12 anni, mentre lei è scesa a prendere i gemellini.

La donna si è detta sicura di aver inserito il freno a mano, che lei compie “come un gesto automatico”. Eppure la macchina a un certo punto ha iniziato a scendere, provocando la tragedia.

L’ipotesi degli inquirenti è che il 12enne che era in auto possa aver tolto il freno a mano, provocando l’improvvisa discesa dell’auto.

Nel caso in cui venisse convalidata l’accusa di omicidio stradale, la donna rischia l’arresto immediato.

Sulla vicenda sono in corso indagini e accertamenti.

La 38enne che guidava l’auto è sotto choc, così come i genitori del piccolo Tommaso che non si danno pace per una tragedia improvvisa che ha strappato per sempre la vita al loro piccolo angelo.

Il sindaco de L’Aquila ha proclamato il lutto cittadino per la tragedia che ha colpito la sua città, fino al giorno dei funerali del bambino.