Cambio di stagione primavera-estate, non mettere via cosi i vestiti, puzzano di muffa e li butti

Il tanto atteso cambio di stagione è arrivato, e con lui anche il timore di scoprire che i nostri abiti non abbiano poi quel bel profumo di bucato!

Cambio stagione cattivo odore
Evitare il cattivo odore dopo il cambio stagione – LettoQuotidiano.it

Ci siamo, il momento di mettere via sciarpe, cappelli e cappotti è arrivato, non resta che armarsi di ottimismo e tempo per non ritrovarsi il prossimo inverno con i vestiti che puzzano…

Cambio di stagione primavera-estate

Quando facciamo il cambio di stagione e mettiamo via i vestiti per un po’, ci piace poterli ritrovare che ancora abbiano un buon odore. Purtroppo, dopo un po’ di tempo messi via, l’odore chiuso dei nostri vestiti ci costringe a doverli lavare prima di usarli di nuovo.

Giovane donna tra vestiti, cambio di stagione
Giovane donna tra vestiti, cambio di stagione – LettoQuotidiano.it

A volte li ritroviamo che puzzano di umido e di muffa! E non c’è niente di peggio che cercare il proprio capo preferito e che il suo aroma non sia quello desiderato. Ci sono cose che semplicemente non riusciamo a spiegarci.  Almeno questo è quello che succede con alcuni vestiti.

Possiamo lavarli, applicare aromi e, tuttavia, quello strano odore che tanto ci sconvolge può continuare senza lasciarli! Tuttavia, poiché nulla è impossibile, per rimuovere i cattivi odori dai vestiti dobbiamo durante il cambio di stagione fare ordine nei nostri armadi e pulirli a fondo.

Liberare l’armadio dagli abiti

Per poter riporre gli abiti correttamente nell’armadio, prima di tutto dobbiamo capire se alcuni indumenti vanno eliminati, per fare spazio a quelli che vogliamo tenere. Una volta scelti i capi che amiamo di più, lasciamo nell’armadio un capo invernale per un “colpo di coda” del freddo, in fondo le temperature potrebbero scendere all’improvviso.
Ante aperte, armadio vuoto
Ante aperte, armadio vuoto – LettoQuotidiano.it
Una volta separati i capi da tenere da quelli da donare, il resto va posto all’interno di scatole ( ce ne sono di molto carine), e poste nel vano dell’armadio che usate di meno.
La divisione per capi e per colore (quelli chiari da quelli scuri), le magliette dai pantaloni, vi consentirà di trovare alcuni indumenti molto in fretta.
Inoltre la divisione dei colori scuri ci metterà al riparo da eventuali “cedimenti” di colore.
Nonostante le ante dell’armadio siano chiuse, la polvere può entrare e danneggiare i nostri abiti. Per evitare questo inconveniente i sacchetti sotto vuoto sono perfetti, una colta imbustati non corrono più alcun rischio.

Pulire la parte interna

Dell’armadio la parte esterna, ante e specchiere sono sottoposte ad una pulizia di routine periodica, ma l’interno? Ora che è vuoto possiamo occuparcene ed eseguire una pulizia a fondo che ci metta a riparo anche da quello sgradevole odore di muffa!

Donna fa cambio di stagione, abiti che puzzano
Donna fa cambio di stagione, abiti che puzzano – LettoQuotidiano.it

Per pulire l’interno dell’armadio, scegliete prodotti naturali come l’aceto in un po’ d’acqua profumata, con delle gocce di olio essenziale alla lavanda o agli agrumi.  Al termine della pulizia occorre asciugare bene per evitare che si crei umidità.

In caso di tracce di muffa, se sono minime  potete passare ad un lavaggio con bicarbonato, sale e  acqua ossigenata, nella misura di tre cucchiai per ingrediente, diluiti in un litro d’acqua. Con uno spruzzino potete trattare la parte evitando di inalarla.

Cambio di stagione, deumidificatori naturali

All’origine della muffa c’è sempre un problema di umidità. Arieggiare spesso l’armadio aiuta a che non si formi una sorta di effetto serra.

Sacchetti profuma armadio
Sacchetti profuma armadio – LettoQuotidiano.it

Un modo di assorbire in modo naturale quest’umidità, consiste nel riporre al suo interno dei sacchetti di stoffa in cui inserire dei gessetti da lavagna, o del riso. Questi due prodotti sono in grado di assorbire l’eccesso d’umidità nell’armadio, anche se si dovranno sostituire periodicamente.

Le bucce di agrumi come arance e mandarini e i chiodi di garofano, ben essiccati posti nell’armadio aiutano a diffondere un profumo negli indumenti riposti nell’armadio.

Deumidificatore

Per evitare che gli abiti prendano odore di umido e di muffa occorre risalire al problema che la provoca: l’umidità. Se non è possibile intervenire in modo “strutturale”, sul problema, una buona alternativa consiste nell’investire in un deumidificatore o di un condizionatore in tal modo eliminerete l’umidità in eccesso dall’aria.