Carol Maltesi, il padre scrive al killer: “Mostro, ti aspetto quando esci, anche fra 30 anni”

Il duro sfogo di Fabio Maltesi, papà di Carol, la 26enne uccisa e fatta a pezzi dal vicino di casa, Davide Fontana. 

Carol-Maltesi-Davide-Fontana-
Carol-Maltesi-Davide-Fontana-LettoQuotidiano.it

Per il giudice per le indagini preliminari, il banchiere avrebbe ucciso la ragazza perché non sopportava l’idea di separarsi da lei.

L’omicidio di Carol Maltesi e l’ammissione del killer

“SONO UN VIGLIACCO, MI VERGOGNO PER CIÒ CHE HO FATTO E PER NON AVERVI CHIAMATO SUBITO”

sono state queste le parole di Davide Fontana rivolte al procuratore di Busto Arstizio durante il terzo interrogatorio.

Il 43enne, banchiere e food blogger, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la sua vicina di casa – e per un breve periodo anche sua compagna – nell’appartamento di lei, a Rescaldina, provincia di Milano.

Il killer reo confesso ha parlato di un gioco erotico finito male, durante il quale avrebbe accoltellato e colpito a martellate Carol Maltesi, 26 anni e madre di un bimbo di 6 anni.

Dopodiché avrebbe conservato il corpo senza vita di Carol in un congelatore, comprato appositamente per l’uso, e dopo due mesi ne avrebbe fatto a pezzi il corpo, ritrovato poi il 21 marzo scorso da un passante in 5 sacchetti di plastica nelle campagne di Borno, Brescia.

Stando a quanto emerso dalle prime indagini, il movente del delitto sarebbe da ricercare nel fatto che Fontana non accettava la decisione di Carol di andare via da Rescaldina.

Carol-Maltesi
Carol-Maltesi – LettoQuotidiano.it

La giovane mamma infatti aveva intenzione di avvicinarsi al figlio, che vive con il papà a Verona. Questo però Davide non riusciva ad accettarlo.

“DAVIDE NON AVEVA MAI ACCETTATO LA ROTTURA. PER QUESTO MOTIVO, CREDO CHE IL DELITTO SIA STATO PREMEDITATO, NON CREDO ALLA SCUSA DEL VIDEO HARD FINITO MALE. NON È UNA COSA PLAUSIBILE, CAROL NON HA MAI FATTO QUESTI VIDEO. IO SAPEVO TUTTO”

ha riferito il fidanzato di Carol Maltesi, Salvatore Galdo, che attualmente vive a Praga.

Il duro sfogo del papà

In un lungo post su Facebook, Fabio Maltesi, papà di Carol, ha scritto parole di rabbia verso il killer.

“Diavolo maledetto, assassino psicopatico, macellaio schifoso, come ti sei permesso di togliere la vita e torturare il bel viso e il corpo della mia bimba, anche dopo la sua morte. Maledetto che hai distrutto la vita del mio angelo, togliendo via il diamante della mia di vita. Perché non ci hai provato con me? Ti aspetto quando esci dal carcere, anche dopo 30 anni: se non io, so chi ti sistemerà, satanista”.

Sono queste le parole rivolte da Fabio Maltesi, che vive e lavora in Olanda da diversi anni, a Diego Fontana, l’assassino di sua figlia.