Bonus Giardino 2022, come fare per accedere subito al fondo prima dell’estate

Il Bonus Giardino 2022 (o Bonus Verde) garantisce una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per specifici interventi nelle aree verdi di unità immobiliari ed edifici.

Bonus Giardino 2022
Bonus Giardino 2022- LettoQuotidiano.it

Il bonus verde è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2017: l’ultima Legge di Bilancio ha prorogato questa misura fino al 2024.

A chi spetta l’agevolazione e come fare per accedere subito al fondo prima dell’estate?

Quali sono le spese ammesse al bonus?

Bonus Giardino 2022: a chi spetta l’agevolazione

Il Bonus Verde 2022 spetta ai contribuenti che posseggono o detengono con un titolo idoneo l’immobile oggetto degli interventi.

Chi richiede il bonus giardino deve aver sostenuto e pagato effettivamente le spese.

Bonus Giardino 2022: interventi ammessi

Ecco quali sono i lavori per cui è possibile fruire del bonus:

  • Sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti e unità immobiliari;
  • bonus giardino

      fondo bonus giardino
  • Pertinenze o recinzioni;
  • Impianti di irrigazione;
  • Realizzazione pozzi;
  • Coperture a verde e giardini pensili.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che rientrano nell’agevolazione anche le spese di progettazione e manutenzione se legate ai suddetti interventi.

In sostanza, l’agevolazione è rivolta ad interventi di manutenzione straordinaria, innovativi o modificativi.

Lavori non ammessi al Bonus Verde 2022

Al contrario, non sono ammessi al bonus i seguenti interventi:

  • Lavori di manutenzione ordinaria periodica dei giardini preesistenti;
  • Interventi in economia, ovvero effettuati dal proprietario o inquilino senza ricorrere ad un’impresa specializzata.

Bonus Giardino 2022 nei condomini

E’ possibile richiedere il Bonus Verde anche per interventi sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali. Il tetto massimo delle spese è pari a 5mila euro per unità immobiliare ad uso abitativo.

Il singolo condominio ha diritto alla detrazione fiscale per la quota a lui imputabile a patto che sia stata versata al condominio entro i termini previsti per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Bonus Giardino 2022: detrazione, tetto massimo, pagamenti tracciabili

La detrazione Irpef del 36% è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

L’importo massimo delle spese detraibili è di 5mila euro per ogni unità immobiliare ad uso abitativo.

Calcolando, quindi, il 36% di 5.000 euro, è possibile detrarre in sede di denuncia dei redditi fino a massimo 1.800 euro per ciascun immobile.

Per l’accesso al Bonus Giardino è essenziale il pagamento tracciabile (bonifico bancario, carta di credito/debito, bancomat).

bonus giardino