Saman Abbas, estradato lo zio: Hasnain Danish accusato dell’omicidio della 18enne pakistana

Saman Abbas è scomparsa il 30 aprile dello scorso anno dalla sua casa a Novellara, Reggio Emilia, dopo aver rifiutato un matrimonio combinato in Pakistan. 

Saman Abbas
Saman Abbas – LettoQuotidiano.it

Qualche giorno dopo la sua scomparsa, i genitori di Saman sono fuggiti in Pakistan, senza più fare ritorno in Italia.

La scomparsa di Saman Abbas

Sono trascorsi quasi 10 mesi dalla scomparsa di Saman Abbas, la 18enne di origini pakistane, residente a Novellara (Reggio Emilia) con la sua famiglia.

La ragazza si era ribellata alla volontà dei suoi genitori, che volevano darla in moglie a un cugino residente in Pakistan.

Quel rifiuto potrebbe esserle costato caro. Dal 30 aprile dello scorso anno, infatti, non si hanno più notizie della ragazza. Saman era innamorata di un suo coetaneo, anche lui di origini pakistane.

La ragazza era riuscita, in un primo momento, a chiedere aiuto ai servizi sociali della cittadina emiliana, salvo poi tornare dai suoi genitori, forse sperando in un loro ripensamento.

Un cambio di rotta che però non c’è stato, tanto che della ragazza si sono perse le tracce qualche giorno dopo il suo ritorno a casa. Le indagini per scomparsa si sono, ben presto, tramutate in un’indagine per omicidio.

L’ipotesi della Procura emiliana che indaga sull’accaduto è infatti che la giovane sia stata uccisa per essersi ribellata alla volontà della sua famiglia.

Estradato lo zio

Per l’omicidio di Saman sono indagati i genitori della giovane e due suoi zii, tra cui Danish Hasnain.

Saman Abbas
Saman Abbas – LettoQuotidiano.it

Ad inchiodarli, anche se il corpo della 18enne non è mai stato trovato, c’è un video di sorveglianza finito nelle mani degli inquirenti, in cui si vedono distintamente tre persone, (uno zio di Saman e due cugini) che si aggirano nei campi intorno all’abitazione della 18enne con pale e buste dell’immondizia.

Le riprese risalgono al 29 aprile scorso.

Dopo 5 mesi di latitanza, il 22 settembre scorso Danish Hasnain venne arrestato alla periferia di Parigi. Poche ore fa, lo zio di Saman è giunto all’aeroporto di Bologna, con un volo partito dalla capitale francese. Il 34enne pakistano è accusato di sequestro di persona, omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Dal canto suo, Danish, come del resto tutti i suoi familiari, si è dichiarato estraneo ai fatti, negando ogni accusa.

Trasferito nel carcere di Reggio Emilia, resta ora a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del processo, mentre continuano senza sosta le ricerche della ragazza.