Stipendi: da marzo 2022 aumenti in arrivo | Felicità dei lavoratori

Sul fronte stipendi, da marzo 2022 scatta una vera e propria rivoluzione con aumenti in arrivo. La novità riguarda sia il passaggio a 4 aliquote Irpef sia l’introduzione dell’assegno unico per figli a carico.

aumenti stipendi 2022
aumenti stipendi da marzo 2022 – lettoquotidiano.it

NOIPA, per il personale comparto scuola, a partire da marzo probabilmente aggiornerà l’IRPEF e le detrazioni fiscali previste per quest’anno ai sensi dell’art. 1, co. 2, della Legge di Bilancio 2022 (n. 234/2021).

In base alle nuove aliquote IRPEF e alle detrazioni fiscali 2022, il prof. Renzo Boninsegna di Snals Confsal di Verona ha redatto una scheda con gli incrementi mensili netti previsti per lo stipendio di marzo. In queste tabelle, la simulazione è stata calcolata confrontando la rata stipendiale di marzo 2022 con quella di novembre 2021.

Stipendi: aumenti in arrivo da marzo 2022, la scheda con le tabelle di Snals Confsal

La scheda che include gli aumenti netti mensili con la nuova Irpef 2022, redatta dal prof. Renzo Boninsegna di Snals Confsal.

Stipendi 2022: i 4 scaglioni Irpef e le detrazioni fiscali

Riguardo alle nuove aliquote Irpef, diciamo subito che quella del 41% è stata cancellata: si parte dal 23%, quelle centrali sono state abbassate dal 27 al 25% e dal 38 al 35%, mentre l’ultima è del 43%.

Ecco i nuovi scaglioni Irpef 2022:

  • Fino a 15mila euro 23%;
  • Da 15mila a 28mila euro 25%;
  • Da 28mila a 50mila euro 35%;
  • Oltre i 50mila euro 43%.

Verranno applicate le seguenti detrazioni fiscali:

  • Fino a 15mila euro: 1.880 (non meno di 690 o, in caso di contratto a tempo indeterminato, non inferiore a 1.380);
  • Oltre i 15mila fino a 28mila euro: 910+1.190 (28.000-reddito) / (28.000-15.000);
  • Da 28mila a 50mila euro: 1.910 (50.000-reddito) / (50.000-28.000);
  • Oltre i 50mila euro: 0.

Per i contribuenti con reddito compreso tra i 25mila ed i 35mila euro, è previsto un importo maggiorato di 65 euro della detrazione.

I lavoratori con redditi superiori a 15mila euro fino a 28mila euro continueranno a percepire il bonus Renzi in busta paga.

Verrà riconosciuto un esonero contributivo parziale ai lavoratori dipendenti con reddito inferiore a 34.996 euro.

stipendi 2022