Digitale terrestre, da questa settimana addio a moltissimi canali: come fare per evitare di rimanere senza

Lo switch-off per il nuovo Digitale Terrestre è stato avviato in Sardegna. Il refarming, ovvero il cambio delle frequenze dei canali Tv, proseguirà in altre Regioni del Nord Italia per portare gradualmente il nuovo digitale terrestre nel 2023.

digitale terrestre
Digitale terrestre, da lunedì addio a moltissimi canali: come fare per evitare di rimanere senza

Pubblichiamo le prossime date del 2022 sulla base della tabella di marcia fissata dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Digitale terrestre: Sardegna prima Regione ad avviare il processo di refarming

Come per il passaggio dalla Tv analogica al digitale terrestre, la Sardegna risulta la Regione italiana apripista impegnata ad avviare la nuova tecnologia.

In Sardegna, la procedura di refarming è stata eseguita regolarmente: iniziata il 15 novembre 2021, è terminata il 2 dicembre 2022 secondo i tempi previsti.

Il 4 gennaio sono state riorganizzate le frequenze dei canali RAI principali (Rai 1, Rai 2, Rai 3 TGR Regionale e Rai News).

addio canali digitale terrestre
addio canali digitale terrestre – lettoquotidiano.it

Gli utenti hanno dovuto risintonizzare la propria TV o decoder per ‘agganciare’ le nuove frequenze allo scopo di visualizzare questi canali in modo corretto.

Regioni del Nord Italia: date di refarming 2022

Ecco di seguito, il calendario previsto per il refarming relativo alle diverse Regioni del Nord Italia:

  • 3 gennaio 2022 – Valle D’Aosta;
  • 4 gennaio – Sardegna;
  • 10 gennaio – Piemonte;
  • 20 gennaio – Lombardia;
  • 10 febbraio – Trentino-Alto Adige;
  • 24 febbraio – Veneto;
  • 1° marzo – Friuli-Venezia Giulia;
  • 2 marzo – Emilia-Romagna.

Doppia sintonizzazione ed altri dettagli

Il cambio delle frequenze necessita di una doppia sintonizzazione, l’una per il passaggio di frequenze RAI e l’altra per la modifica delle frequenze delle altre emittenti televisive.

Dal 3 gennaio 2022, le trasmissioni di RaiNews 24 verranno diffuse gradualmente in alta qualità. Ciò significa che saranno visibili soltanto da Tv e decoder che supportano l’HD.

Il passaggio di attivazione delle nuove frequenze, come previsto dal calendario definito dal Ministero dello Sviluppo Economico, verrà eseguito progressivamente Regione per Regione.

Occorrerà risintonizzare il proprio Tv o decoder compatibile con HD per visualizzare i programmi di RaiNews 24. E’ importante verificare nel manuale o scheda tecnica del televisore che sia presente l’indicazione DVB-T2 HEVC Main 10 per controllare la compatibilità della TV con i nuovi standard.

Per restare aggiornati sullo switch-off dei canali Rai, consigliamo di consultare il portale rai.it.

digitale terrestre