100 euro di benzina per chi guadagna meno di 2000 euro al mese

Il rincaro del costo della benzina non ha creato caos solo qui in Italia ma anche in Francia dove il premier Jean Castex è stato costretto a correre ai ripari.

benzina
L’aumento del costo della benzina non accenna a fermarsi – lettoquotidiano.it

L’aumento del costo della benzina non è un problema che ha colpito solo gli italiani, neanche in Francia, infatti, se la passano tanto meglio. Proprio per questo motivo ieri sera, durante un intervento al tg, il premier francese Jean Castex ha annunciato lo stanziamento di alcuni aiuti governativi. Nello specifico alle classi medie toccherà un bonus di 100 euro. Non solo, il braccio destro di Macron, a circa sei mesi dalle elezioni, ha promesso come il prezzo del gas resterà invariato per tutto il 2022.

Il bonus spetterà ai lavoratori, ai pensionati ed ai disoccupati in cerca di lavoro

Nello specifico, inoltre, la 100 euro toccherà a coloro che guadagnano meno di 2000 euro al mese. L’argomento benzina, dunque, tiene banco anche in Italia dove abbiamo avuto un rincaro simile anche se qui, al momento, non è previsto alcun sostegno per gli automobilisti. La 100 euro, inoltre, spetterà solamente a quei lavoratori che usano la propria auto per recarsi a lavoro ma anche ai lavoratori autonomi, ai disoccupati in cerca di un’occupazione e ai pensionati.

In Italia il costo del gasolio ha raggiunto 1,593 euro al litro

Come detto dal premier, quindi, la riforma spetterà a circa 38 milioni di francesi, una misura definita dallo stesso molto importante dato che l’85% della popolazione possiede un’automobile. Andiamo a vedere, dunque com’è stato calcolata la cifra bonus da stanziare per la benzina. Quest’ultima sarebbe stata calcolata in base agli 80 euro di rincaro che ci sono stati su un lavoratore che percorre 14.000 km all’anno.

Anche qui in Italia la situazione non sarebbe delle migliori con il prezzo medio della benzina arrivato ad 1,733 euro al litro, con il gasolio, invece, a quota 1,593 euro/litro. Persino il metano sarebbe in aumento negli ultimi giorni. “L’andamento dei listini dei carburanti rappresenta oramai una emergenza, con benzina e gasolio che costano oggi oltre il 20% in più rispetto ad inizio anno“, queste le parole con cui il presidente di Assoutenti Furio Truzzi ha commentato la crisi dei prezzi. Al momento, dunque, è difficile sapere quando la situazione tornerà alla normalità.

benzina