Come leggere le tabelle nutrizionali: a cosa stare attenti sull’etichette degli alimenti

Prima di acquistare dei prodotti alimentari è sempre consigliato leggerne le tabelle nutrizionali.

tabelle nutrizionali -LettoQuotidiano
Confezione di burro -LettoQuotidiano

Leggere le tabelle nutrizionali, prima di acquistare un prodotto, non è affatto una perdita di tempo. Così facendo, infatti, potremo comprare diversi alimenti in totale sicurezza e senza correre rischi. Sfortunatamente però non sempre le tabelle alimentari sono di facile lettura e per questo motivo dovremo studiare bene alcune diciture. Con l’aiuto della dietista di Humanitas Gavazzeni Bergamo, Sabrina Oggionni, quindi andiamo a scoprire come leggere correttamente le diciture sull’etichetta.

Nelle tabelle nutrizionali saranno riportati tutti gli ingredienti presenti nel prodotto

Leggere quest’ultime è molto importante per scoprire da dove proviene il prodotto che stiamo acquistando e soprattutto cosa contiene al suo interno. Questo risulta molto utile in caso soffriamo di alcune allergie, così facendo, infatti, eviteremo di acquistare qualcosa di potenzialmente dannoso per il nostro corpo. Secondo la legge, quindi, i prodotti dovranno riportare il peso specifico dell’alimento andando ad escludere quello della confezione, successivamente, come detto, troveremo gli ingredienti, ordinati dal più al meno presente.

Anche se non notate prodotti a cui siete allergici, conviene leggere questa tabella fino al fondo dove si trovano coloranti e conservanti, spesso presenti in quantità minima. Il nostro consiglio, quindi, è di scegliere i prodotti con meno aggiunte possibile. Da non tralasciare neanche i dati relativi al produttore, al venditore ed al confezionatore. In caso insorgano problemi con il prodotto, infatti, avrete già nome ed indirizzo per contattare i diretti interessati e chiedere, nel caso, i danni.

Le date di scadenza si dividono in due categorie

Parliamo, dunque, delle scadenze, le quali possono essere divise in due sezioni. La prima, quella con la dicitura “Da consumarsi entro il…”, va rispettata alla lettera essendo riferita ad alimenti che col passare del tempo si deteriorano. I prodotti che recitano sull’etichetta “Da consumarsi preferibilmente entro il…”, invece, potranno essere consumati anche successivamente alla data di scadenza. In genere, infatti, essi perdono le proprie sostanze nutritive ma non diventano dannosi per il nostro organismo.

La prima cosa per leggere le tabelle nutrizionali, invece, è capire se essa si riferisce a 100 grammi di prodotto o ad una porzione media. Fatto ciò, quest’ultime sono relativamente semplici da leggere, infatti, ripoteranno solamente il numero di grassi, grassi, zuccheri, vitamine e sali minerali presenti nell’alimento. Insomma in definitiva tocca sempre prestare attenzione a cosa si acquista e consuma.

tabelle nutrizionali -LettoQuotidiano