Dormire con il reggiseno: ecco quando farlo e quando è assolutamente vietato

Dormire con o senza reggiseno? È una domanda che probabilmente ti sei posta almeno una volta nella vita e alla quale forse non è stata data ancora una risposta definitiva.

Per quanto riguarda l’uso del reggiseno a letto, i medici sono chiari: dormire con il reggiseno non serve a renderlo più tonico,

Il reggiseno è davvero necessario indossarlo sempre?

Nato nel 1889 dalle mani di Hermine Cadolle, bustaia di Parigi, il primo reggiseno ha compiuto 100 anni di recente. Strumento di seduzione è croce e delizia di molte donne, la storia dell’emancipazione femminile passa anche attraverso la storia della lingerie femminile.

Basti pensare alle donne in piazza a New York o Amsterdam che bruciavano il reggiseno, e allo stesso tempo chiedevano il diritto all’aborto o semplicemente rivendicavano per loro stesse il diritto a fumare in pubblico.

Il reggiseno visto come repressione maschile, il contenimento forzato del simbolo della femminilità che andava imbrigliata.

Dalle costrizioni alla libertà, oggi è difficile incontrare una donna capace di resiste all’acquisto di un capo che la valorizzi proprio li. Ma al suo uso andrebbero posti dei limiti, in alcuni momenti della giornata come quando si dorme.

Dormire con il reggiseno: pro e contro

Alcune donne scelgono di indossarlo anche di notte, di solito per mantenere i loro seni sostenuti e sodi per evitare cedimenti, o semplicemente per piacere, mentre altre sono totalmente contrarie.

C’è chi nutre dei dubbi inerenti ai danni derivanti dal dormire col reggiseno, dall’altra bisogna tuttavia chiarire che averlo di notte non ci da grandi benefici.
Non esistono reggiseni anti-age, dunque indossarlo giorno e notte non elimina il naturale cedimento dei tessuti dovuto all’età.

Inoltre la notte è l’occasione perfetta per far respirare ogni parte del corpo, compreso il torace e dormire senza reggiseno permettere al sangue di circolare liberamente tra i due seni.

C’è chi teme che indossare il reggiseno di notte aumenti il rischio di sviluppare il cancro al seno? Secondo molti chirurghi, nulla è provato, non ci sono prove concrete. Tuttavia per precauzione, è meglio evitare di dormire con reggiseni con ferretto o troppo stretti.

E se proprio stare senza vi disturba, meglio indossarne uno super-comodo.

Seni in crescita

Per quanto riguarda le ragazze, la situazione è più delicata: le ragazze spesso tendono a indossare il reggiseno di notte, ma questo può essere pericoloso.
Molte giovani ragazze sono orgogliose di poter finalmente indossare un reggiseno come le “ragazze più grandi”, tanto che tendono a non toglierselo mai.
Tuttavia occorre aver presente che i reggiseni molto stretti comprimono il drenaggio linfatico, che è vicino alla superficie del seno, il che impedisce il flusso del fluido linfatico che elimina efficacemente le tossine dal corpo.
È per questo motivo che è importante e consigliato lasciare il petto libero durante il sonno.

Seni grandi

Alcuni medici consigliano alle donne dal seno grande, per chi soffre di mastopatia di indossare il reggiseno anche di notte. Ma anche per chi ha subito un’operazione o per chi sta allattando.
Per questo tipo di seni, l’obiettivo del reggiseno è di dare sollievo al  torace, impedendogli di provocare dolore durante il sonno.
Inoltre, quando il seno è troppo pesante, tira sulla pelle, diminuendone in tal modo l’elasticità.
Viene consigliato di indossare reggiseni specifici post-operatori, durante la notte.
Ma anche reggiseni sportivi che risulteranno molto comodi e pratici, proprio come i reggiseni per l’allattamento.
In particolare per le donne incinte con seni sensibili o addirittura dolorosi, dormire con un reggiseno per la gravidanza e l’allattamento è fondamentale per il benessere del seno.
La texture morbida del tessuto, le spalline regolabili, con le cuciture impercettibili e piccoli inserti di pizzo, fanno di un reggiseno, un indumento che non vorrai più togliere.