Sofia Elena Ricci, avete mai visto le sue figlie? La più grande ha anche partecipato ad una serie televisiva

Attrice di successo con alle spalle una carriera impeccabile. Però non tutti sanno che lei è anche madre di due splendide ragazze: conosciamole meglio.

Elena Sofia Ricci è una delle attrici italiane più amate del panorama televisivo italiano. Con il suo grande talento è riuscita a conquistare il cuore di milioni di telespettatori.

Tutto su Elena Sofia Ricci 

Elena tutti la conosciamo, ha recitato in tantissime fiction, ma ha anche preso parte a produzioni teatrali e cinematografici, ma non tutti conoscono la sua vita privata.

E’ nata il 29 marzo del 1962 a Firenze, figlia di Elena Ricci Poccetto, scenografa, e di Paolo Barucchieri, storico dell’arte. La sua carriera spicca il volo nel 1984 grazie a Pupi Avati, che la dirige in “Impiegati”, film grazie al quale ottiene il Globo d’Oro come migliore attrice rivelazione.

Ha avuto una figlia di nome Emma nata nel 1996 dalla relazione con Pino Quartullo, successivamente si è sposata con il noto compositore Stefano Mainetti nel 2003, dal quale ha avuto una figlia di nome Maria. Oggi sono due ragazze bellissime, conosciamole meglio. 

Emma Quartullo e Maria Mainetti

Le due sorelle condividono la stessa madre, ma sono nate da padri differenti, come abbiamo spiegato precedentemente. 

Emma Quartullo, classe 1996, ha 25 anni e sta seguendo le orme di sua mamma, infatti sta studiando recitazione. L’abbiamo vista in Vivi e lascia vivere, una fiction firmata Rai 1 in cui ha interpretato il ruolo di Laura Ruggero, recitando accanto a mamma Elena. 

Leggi anche –> Elena Sofia Ricci in bikini a 58 anni: forma fisica perfetta 

Maria Mainetti, invece, è la secondogenita dell’attrice nata nel 2004 dal matrimonio con l’attuale marito di Elena Sofia Ricci, Stefano Mainetti. Purtroppo su di lei non abbiamo molte informazioni, dato che ama mantenere la sua vita fuori dai riflettori. Ma sappiamo che l’attrice ha scoperto di essere incinta di Maria quando lavorava nella famosa fiction Orgoglio.