Francesca Neri e la drammatica dichiarazione sulla sua malattia: “Ho pensato di farla finita”

Francesca Neri, dopo un lungo silenzio ha raccontato in un libro la malattia invisibile con cui combatte da tantissimo tempo, che l’ha costretta a “stare via per tre anni”, come spiega in un’intervista.

Questo lungo distacco dal cinema ha portato l’attrice a voler condividere la malattia che ha dovuto affrontare: scopriamo di più.

La malattia di Francesca Neri 

Francesca Neri in un’intervista al Corriere, ha ripercorso i primi anni in cui è stata colpita da una malattia per molto tempo invisibile, ovvero, la cistite interstiziale.

Si tratta di una patologia che molti medici e specialisti hanno fatto fatica a comprendere, nonostante il dolore insopportabile che era costretta a subire l’ex attrice:

“Ho accarezzato l’idea del suicidio. Ho passato mesi a giocare a burraco online di notte. Il mio lockdown è durato tre anni. E quando è arrivato per tutti, con la pandemia, sono stata meglio perché condividevo la situazione degli altri.”

Francesca ha spiegato anche perché per molto tempo è stata lontana dai riflettori: 

“Dovevo proteggere Claudio e Rocco, mio figlio, altrimenti non ce l’avrei fatta nemmeno io, che sono il capofamiglia che si occupa di tutto. Di fatto sono stata via per tre anni, però c’ero, ero lì in casa con loro, ed è la cosa più terribile”.

Una situazione davvero difficile, dal quale non si guarisce ma si è costrette a conviverci.

Cos’è la cistite interstiziale

La cistite interstiziale è un’infiammazione cronica e non infettiva della vescica che genera dolore di tipo sovrapubico, pelvico e addominale, oltre ad avvertire la necessità di urinare più volte durante il giorno.   

Leggi anche –> Chi è Francesca Neri: età, figli e curiosità della moglie di Claudio Amendola 

La diagnosi è data dall’anamnesi e dall’esclusione di altre malattie sia clinicamente che mediante cistoscopia e biopsia.

Francesca Neri è riuscita a tamponare gli effetti e a non renderla una malattia invalidante privandosi di cose che potevano scatenare una reazione come: l’aria condizionata, il caldo o alcuni cibi.