Denise Pipitone, interrogato l’ex di Jessica Pulizzi: Gaspare Ghaleb “sotto torchio” per 6 ore

La ragazza era stata indagata insieme alla madre, Anna Corona, per la scomparsa della piccola Denise Pipitone, salvo poi essere assolte per mancanza di prove.

Denise Pipitone,

Nelle scorse settimane un altro ex fidanzato di Jessica Pulizzi, Fabrizio, aveva raccontato come la ragazza fosse ossessionata da Piera Maggio, perché convinta che le avesse rovinato la famiglia.

Interrogato Gaspare Ghaleb

È stato ascoltato per 6 lunghe ore Gaspare Ghaleb, ex fidanzato di Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise Pipitone.

Il giovane, già finito al centro delle indagini quando aveva 18 anni, lo scorso mercoledì è tornato in Procura a Marsala per essere interrogato.

Il suo interrogatorio è durato circa 6 ore. Gaspare Ghaleb è stato ascoltato come persona informata sui fatti.

Ghaleb era già stato ascoltato altre 6 volte, nel corso delle indagini sulla scomparsa di Denise. Interrogatori ricchi di contraddizioni, che hanno comunque portato alla sua assoluzione nel primo processo.

Ghaleb non parlò agli inquirenti delle telefonate ricevute da Jessica Pulizzi il giorno del sequestro della piccola Denise Pipitone e mentì sui suoi spostamenti di quel giorno tristemente noto: disse di trovarsi a casa della zia, ma è stato poi appurato che Gaspare avesse mentito.

Il nome di Gaspare Ghaleb è tornato alla ribalta anche per via della lettera anonima che qualche tempo fa è stata inviata all’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio e Piero Pulizzi.

“Sono 17 anni che so dei fatti sulla bambina scomparsa Denise Pipitone e sono sicurissimo al cento per cento che è la realtà dei fatti. Io non ho parlato prima per paura”,

si legge nella missiva, in cui l’anonimo riferisce di aver visto due donne e Ghaleb il giorno della scomparsa della piccola Denise in un’auto insieme ad una bambina, che chiedeva aiuto.

Le dichiarazioni di Fabrizio, ex fidanzato di Jessica Pulizzi

Nelle scorse settimane è tornata viva più che mai l’attenzione attorno al caso della scomparsa di Denise Pipitone, la bambina di 4 anni di cui si sono perse le tracce il primo settembre del 2004, mentre giocava sull’uscio di casa della nonna a Mazara del Vallo.

Dopo la falsa pista russa, sono emerse importanti novità nel caso.

Le ultime riguardano le due figure chiave di questo mistero lungo 17 anni: Anna Corona e Jessica, rispettivamente ex moglie e figlia di Pietro Pulizzi, padre naturale di Denise.

L’uomo, che è ora sposato con Piera Maggio, avrebbe scoperto la paternità della piccola proprio dopo la sua scomparsa.

Durante una delle ultime puntate di Chi l’ha visto? sono state ascoltate alcune intercettazioni di Fabrizio, ex fidanzato di Jessica Pulizzi.

Il racconto di Federica Sciarelli comincia il 14 gennaio 2006, quando l’ex della ragazza finisce davanti ai carabinieri.

Fabrizio racconta di aver avuto una relazione con lei fino al 2003 e di non averla più vista dopo la rottura. Affermazione che però viene smentita dalle intercettazioni, che ritrovano i due ex insieme nel dicembre del 2004, mentre stanno per appartarsi nella zona vicino al forno di un amico di Fabrizio.

È proprio in quell’occasione che il ragazzo fa a Jessica una domanda che sembra un amaro presagio:

“Ce l’ammazzasti a chidda? (L’ammazzasti a questa?n.d.r.)”.

Jessica ha sempre detto che quella domanda si riferiva ad una delle galline che si trovava nel campo, ma in realtà Fabrizio ha riferito di non ricordare la presenza di animali quando si era appartato con la ragazza.

Allora a chi si riferiva Fabrizio quando fece quella domanda? È a questo e ad altri quesiti che gli inquirenti stanno cercando di dare una risposta.

“Notavo che lei era pronta a compiere atti contro Piera Maggio perché le aveva rovinato la famiglia. La chiamava tr**a, pu****a, zo****a“.

aveva raccontato inizialmente il ragazzo, salvo poi cambiare versione e dire che Jessica non nominava mai Piera Maggio.

Leggi anche –> Denise Pipitone, la nuova segnalazione dall’Ecuador: a Chi l’ha visto? la verità

L’orario d’uscita di Anna Corona

Un’altra importante novità emersa nel corso delle ultime indagini ed analizzata durante l’ultima puntata di Chi l’ha visto? riguarda l’orario di uscita dal lavoro di Anna Corona il giorno della scomparsa della piccola Denise.

Quella mattina Anna Corona si trovava al lavoro, nell’albergo Ruggero II. Entrata alle 7.30, la sua uscita viene registrata alle 15:30.

Giacomo Frazzitta, l’avvocato di Piera Maggio, ha però chiesto una perizia calligrafica, per confermare che ad apporre la firma sul foglio d’uscita sia stata proprio Anna Corona.

Nei giorni scorsi, infatti, intervistata da un’inviata de La Vita in Diretta, la trasmissione di Alberto Matano in onda su Raiuno, una ex collega di Anna Corona ha riferito di aver apposto lei la firma d’uscita della madre di Jessica Pulizzi.

Di fatto, se l’ipotesi fosse confermata da una grafologa, Anna Corona si troverebbe a non avere più un alibi per quel primo settembre, giorno della scomparsa della piccola Denise Pipitone.

Leggi anche –> Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: “Non trattate più il caso di mia figlia”