Netflix, addio alla condivisione degli account con amici e parenti: la novità che ti deluderà

La piattaforma di streaming, si scaglia contro tutti gli utenti che condividono il loro account con amici e parenti.

Netflix, ultimamente ha fatto il colpaccio, lanciando delle serie tv molto popolari come: Lucifer, Eliteo il nuovo Generazione 56K.

La richiesta della piattaforma aumenta ogni giorni di più e normalmente coloro che si iscrivono decidono di abbonarsi, condividendo il profilo con altre persone.

Un problema che costa molto a Netflix, per questo ha deciso di prendere dei seri provvedimenti, scopriamo quali sono.

Netflix contro la condivisione dei profili: il messaggio di errore che allarma gli utenti

Pessime novità per gli utenti, purtroppo Netflix ultimamente sta attuando una vera e propria guerra contro chi condivide l’account con amici e parenti, per risparmiare sull’abbonamento. 

Ma già da un po’ di tempo, tantissimi clienti della piattaforma, nel momento del login hanno ad esempio visualizzato questo richiamo: 

“Se non vivi con il titolare dell’account, ti serve un tuo account per continuare a guardare Netflix. È il tuo account? Ti invieremo un codice di verifica”

Il messaggio di errore di Netflix serve per avvisare la persone che hanno condiviso  le loro credenziali con persone che non vivono sotto lo stesso tetto. 

Ma cosa succede e cosa prevede il provvedimento? scopriamolo.

Netflix, le limitazioni

Per tutti gli utenti che verranno colti in flagrante, Netflix assicura anche una limitazione dell’account.

Lo scopo della piattaforma è di fare più controlli possibili sugli account condivisi. 

E’ stata adottata questa drastica misura perché secondo una stima il 30% degli abbonati divide il suo account con persone che non abitano sotto lo stesso tetto. 

Vogliamo però precisare, che per norma l’unica condizione possibile in casa Netflix è quella con i conviventi.

Una pessima novità per coloro che cercano di risparmiare sull’abbonamento.

Leggi anche –> Bonus Mamma domani 2021, come fare richiesta: requisiti e modalità di accesso al beneficio