Autista disabile multato perché fa una fermata d’emergenza per una crisi ipoglicemica

L’autista disabile multato stava tornando da un appuntamento in ospedale a marzo, quando ha cominciato a sentirsi svenire.

Kevin è il nome dell’uomo aveva deciso che era troppo pericoloso continuare a guidare e si era fermato nel parcheggio di Fraisthorpe Beach, una spiaggia piatta e sabbiosa nella zona di East Riding nello Yorkshire.

Multato al parcheggio

Parlando ad un giornale locale l’uomo ha riferito di essersi dovuto fermare per mangiare una barretta Mars e bere una bevanda zuccherata e poi aspettare mezz’ora fino a quando lo zucchero nel sangue è stato ripristinato a livelli sicuri prima di continuare con il suo viaggio verso casa nella vicina Bridlington.

Kevin, che non può lavorare ed usufruisce del sussidio di invalidità a causa dei suoi problemi di salute, ha detto che dal momento che era solo e usa una sedia a rotelle avrebbe dovuto spendere molta energia per andare alla macchina che eroga i biglietti del parcheggio, anche se i suoi livelli di zucchero erano normali.

L’uomo ha riferito:

“Era tutto chiuso, quindi non pensavo che ci sarebbero stati dei problemi. Non avrei potuto uscire dalla mia macchina perché ero solo e ho bisogno di aiuto con la mia sedia a rotelle, e il terreno era così irregolare che non avrei potuto camminare fino alla macchina se avessi voluto”.

Poco dopo, Kevin ha ricevuto una lettera dalla Excel Parking Services che chiedeva un pagamento di 100 sterline (110 euro).

Kevin ha riferito al giornale che nonostante la richiesta, la prima lettera di avviso non era stata recapitata.

Leggi anche -> Incidente sul lago di Garda, l’autopsia conferma: Greta Nedrotti è morta annegata

Leggi anche-> Mostra il volto tumefatto sui social, il coraggio di Giuliana Danzè: “Picchiata dal mio fidanzato”

L’uomo intende chiedere il risarcimento per lo stress ricevuto

Ha fatto subito ricorso, presentando un reclamo all’Independent Appeals Service (IAS), che ha confermato che sta esaminando il suo caso.

Ma nonostante l’indagine, Kevin ha ricevuto un’altra lettera che dichiarava che il pagamento era ora aumentato a 160 sterline (circa 186 euro).

Inoltre gli sono state fatte minacce e che avrebbero proseguito con azioni legali e ufficiali giudiziari, se non avesse pagato le spese entro sette giorni.

L’uomo ha aggiunto:

“Tutto questo mi sta davvero stressando, ricevere queste lettere e minacciare procedimenti giudiziari. Non c’è nessuno al telefono quando chiami questa compagnia, non ne vogliono sapere, basta che abbiano i loro soldi”.

L’uomo ha confessato di non avere molti soldi da parte,  in quanto tutti i suoi soldi vanno nelle bollette. Inoltre ha aggiunto che è disposto ad andare in tribunale per questo e chiederà di essere risarcito perché è stato fortemente stressato.

Chi gestisce la spiaggia e la società di parcheggio è stata criticata da diversi frequentatori del luogo sui siti di recensioni come Trip Advisor.

Dopo una serie di reclami da parte di altri che hanno detto di essere stati multati, e sostenendo che la spiaggia era ora “rovinata” dall’applicazione del parcheggio che agisce con “ mano pesante”.