Renzo Arbore provato dalla quarantena: “Ho nostalgia, vorrei tanto…”

La lista delle attività professioni svolte da Renzo Arbore è lunghissima, ma i più lo conoscono per essere un cantautore, disc jockey, conduttore radiofonico oltre che clarinettista.

Noto all’anagrafe come Lorenzo Giovanni Arbore classe 1937, Arbore è considerato il primo disc jockey italiano, nella sua lunga vita è stato anche sceneggiatore, regista ed attore.

Sono memorabili per una generazione di “anta”, le trasmissioni radiofoniche, presentate insieme a Gianni Boncompagni: Bandiera gialla, Per voi giovani e Alto gradimento.

L’altra domenica (era il 1976), segnò il suo primo vero successo, in cui creò uno stile alternativo, che andava a contrastare con la contemporanea di allora: Domenica in di Corrado.

E come non ricordare:  Quelli della notte e Indietro tutta! Renzo Arbore è stato anche attore e regista cinematografico de: Il pap’occhio, 1980; e di FF.SS. – Cioè: “…che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?” del 1983.

Leggi anche -> “È il nuovo Enrique Iglesias”. Pierpaolo Pretelli, successo esplosivo: la sua hit dell’estate fa incetta di like

Renzo Arbore un artista poliedrico

Nel corso della trasmissione condotta da Gigi Marzullo, Sottovoce,
si è ricordato Massimo Troisi, che moriva 27 anni fa, il 4 giugno del 1994. In quell’occasione viene intervistato anche Renzo Arbore, che era un grande amico dell’attore campano.

Le parole di Arbore per l’amico scomparso sono state:

“Massimo Troisi sarebbe potuto diventare un altro Eduardo De Filippo ci avrebbe potuto andare molto vicino, anzi direi che cinematograficamente è stato importantissimo, perché ha denunciato che c’è ‘un’altra Napoli’”.

Parlava di una Napoli che scherza sulla propria tradizione e che possiede lo spirito antico.

Leggi anche -> Chi è Marco Farris, il nuovo Bombshell di Love Island: dall’abbandono al suo primo amore

Abitavano quasi l’uno a fianco dell’altro Renzo Arbore e Massimo Troisi, le abitazioni distavano circa 50 metri, dove hanno passato insieme serate indimenticabili.

Arbore ha dovuto affrontare situazioni difficili che non molti avrebbero accettato, come la perdita del figlio che Mara Venier, sua compagna allora portava in grembo.

Il desiderio di tornare alla ribalta e dal vivo è molto forte in Renzo Arbore, che lo manifesta con il sorriso in un video postato sul suo profilo Instagram, e che  accompagna con un video clip, con una delle sue creazioni in compagnia dell’orchestra italiana:  ” a nui ce piace e magna”.