Novara, sindacalista travolto e ucciso da un camion durante manifestazione: conducente tenta la fuga

La tragedia è avvenuta questa mattina a Biandrate, nel Novarese, nei pressi del deposito territoriale Lidl.

sindacalista ucciso da un camion

Per la vittima non c’è stato nulla da fare, nonostante gli immediati soccorsi allertati dagli altri manifestanti.

Tragedia a Novara: sindacalista travolto e ucciso

Un uomo di 37 anni, Adil Belakhdim, è morto questa mattina, dopo essere stato investito da un camion.

La vittima, sindacalista coordinatore di Si Cobas Lavoratori Autorganizzati, stava partecipando ad una manifestazione davanti ai cancelli della Lidl di Biandrate – provincia di Novara – quando è avvenuta la tragedia.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, sembra che il conducente del camion abbia volontariamente investito il 37enne.

Dopodiché, il camionista ha tentato la fuga, ma è stato fermato poco dagli agenti della Polizia stradale ad un Autogrill dell’A4.

“Il camion ha forzato il presidio all’esterno del magazzino investendo i lavoratori, tra cui Adil”,

si legge nel lungo post pubblicato sulla pagina Facebook del “Si Cobas Lavoratori Autorganizzati”.

Leggi anche –> Morte di Luana D’Orazio, la perizia sul macchinario conferma: “Orditoio manomesso”

“Il camionista ha preso Adil con tutte le ruote e ha ferito alle gambe un altro lavoratore. Noi eravamo tutti lì davanti, una quindicina di persone, gridavamo ‘ferma ferma ferma’, ma non si è fermato ed è scappato dopo aver trascinato Adil per metri”

ha raccontato a Fanpage un collega della vittima.

Chi era Adil Belakhdim

La vittima viveva a Vizzolo Predabissi, Milano, insieme alla moglie e ai due figli di 15 e 17 anni.

Da alcuni anni Adil Belakhdim svolgeva attività di sindacalista ed era coordinatore interregionale dei SiCobas.

Quando i soccorsi sono giunti sul posto, per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Il 37enne sarebbe stato trascinato per almeno una decina di metri, prima finire sull’asfalto.

Prima della tragedia, tra il camionista ed i manifestanti ci sarebbe stata una discussione, perché il conducente del tir voleva forzare il presidio.

A confermarlo anche Attilio Fasulo, segretario generale della Cgil di Novara, che si trova sul luogo della tragedia.