Funerali di Peter e Laura, la commovente lettera della figlia Madè: “Mi mancate in modo devastante”

L’ultimo addio ai due coniugi, uccisi lo scorso 4 gennaio dal figlio Benno, si è tenuto questa mattina nel Duomo di Bolzano.

Madè Neumair figlia coniugi bolzano sorella benno

Presenti tanti parenti e amici che hanno voluto salutare Peter e Laura. Le salme dei due coniugi sono state poi cremate.

Funerali di Peter e Laura

A 5 mesi dalla loro morte si sono celebrati questa mattina nel Duomo di Bolzano i funerali di Peter Neumair e Laura Perselli, i coniugi uccisi dal figlio Benno il 4 gennaio scorso.

Le salme dei due insegnanti in pensione sono state poi cremate. Nella basilica non sono state ammesse le telecamere, ma sono state tante le persone che hanno preso parte alla cerimonia.

Le due bare bianche, ricoperte ciascuno da un bouquet di rose, sono arrivate in chiesa poco prima delle 11, orario in cui è iniziata la cerimonia funebre.

Leggi anche –> Omicidio Bolzano, Benno Neumair resta in carcere: confermato il fermo dalla Cassazione

La commovente lettera di Madè Neumair

Dopo un commovente intervento della sorella di Peter, Michela Neumair, e della sorella di Laura, Carla Perselli, la figlia Madè ha preso la parola.

La ragazza ha letto una lettera con cui ha dato sfogo a tutto il suo dolore.

“Vi sento vicinissimi, silenziosi, siete più vicini che mai, sento che siete scivolati via, è come se un antenna non prendesse più il segnale”

ha detto visibilmente commossa la ragazza.

Poi, Madè ha ripercorso le tappe della vicenda, dalla consapevolezza che i suoi genitori fossero stati uccisi al ritrovamento dei corpi di Peter e Laura.

“E’ il 6 gennaio, sono le 3.30 di notte, mi alzo ed esco in salotto, il terrore ha lasciato spazio ad un’apnea”

prosegue ancora il racconto del giovane medico.

“Mami e Papi, mi mancano le parole per dirvi quanto vi ringrazio. Grazie per quel che mi avete dato. Vi vedo ancora passeggiare su una delle vostre spiagge. I capelli al vento, il sole che picchia ma non troppo, sento la vostra serenità rimbombare forte. Mi mancate in modo devastante, riposate in pace”

ha concluso Madé.