Pompiere interviene in un incidente e trova la figlia tra i rottami

Il pompiere era intervenuto per spegnere un rogo scaturito dallo scontro avvenuto tra tre auto.

L’uomo però non avrebbe mai immaginato di trovarsi davanti all’orrore.

Pompiere interviene in un incendio

Adrian Smith si è trovato ad affrontare l’inimmaginabile dopo che è stato inviato a contrastare un incendio, che si era creato a seguito di un incidente stradale.

Quella domenica l’uomo era di turno con la sua squadra di vigili del fuoco – ed è stato chiamato al tamponamento sulla strada di campagna.

Adrian Smith, 47 anni, stava lavorando la domenica quando una telefonata al 999, chiedeva dell’intervento dei pompieri.

Questa tragica fatalità lo ha portato sulla scena degli ultimi momenti di Ella Brooke Smith.

Qui l’uomo ha scoperto con orrore che in una delle auto coinvolte nel drammatico incidente era presente il corpo di sua figlia Ella, di 21 anni, Adrian è arrivato per scoprire che la Ka si era ribaltata in una curva ed è era stata poi colpita da altri due veicoli.

Leggi anche -> Trivella di 10 metri crolla su un palazzo pieno di uffici a Milano, terrore tra gli impiegati

Leggi anche -> Incidente sul lavoro ad Avola, crolla un ballatoio: operaio muore sotto le macerie, ferito un collega

Una gita finita in tragedia

Solo poche ore prima l’uomo l’aveva salutata, in quanto la figlia aveva deciso di passare una tranquilla giornata al mare.

Intervenuto Adrian ha trovato Ella, distesa tra i rottami di un mucchio di tre auto, la 21 enne era un’infermiera tirocinante, è stata trovava sdraiata accanto al suo ragazzo Ashden King, 22 anni, nella sua Ford Ka.

I due fidanzati stavano tornando a casa dopo aver passato una giornata sulla spiaggia. La polizia ha detto che altre tre persone sono rimaste gravemente ferite nell’incidente.

In un post straziante sui social , Adrian e la sua famiglia hanno dichiarato:

“Siamo assolutamente devastati per aver perso la nostra amata Ella. Era una figlia, una sorella e una nipote molto amate e premurose”.

Ella e Ashden avevano guidato per circa 12 chilometri, fino alla località balneare di Broadhaven, nel Pembrokeshire, prima di tornare la domenica sera a casa sua nella vicina Camrose, quando è avvenuto l’incidente mortale.