La leucemia fulminante stronca Leonardo Monaco a soli 16 anni

Una tragedia ha colpito la Romagna e ha sconvolto la città di Forlì, che ha dovuto dire addio al giovanissimo Leonardo.

Una notizia incredibile arriva direttamente dalla Romagna; una news che nessuno avrebbe mai voluto sentire.

Leonardo Monaco leucemia fulminante

E’ morto Leonardo Monaco, il giovane sedicenne ricoverato d’urgenza per una leucemia fulminante.

Leggi anche: Gravissima ultima ora, in fin di vita Michele di Amici

Il terribile incidente di Leonardo Monaco

Lo scorso 4 giugno 2021, nel cuore della notte, il giovanissimo Leonardo Monaco è stato colpito da un’emorragia cerebrale causata da una leucemia fulminante.

La malattia ha fatto fermare il suo cuore quando l’emorragia è diventata acuta nel giro di poche ore.

Leggi anche: Omicidio Vannini, Martina Ciontoli SHOCK

Il ragazzo aveva concluso la prima serie di chemioterapia.

Leonardo Monaco è morto dopo meno di 48 ore presso il reparto Oncoematologia pediatrica all’ospedale di Rimini.

Grande dolore per la famiglia e per tutta Forlì

Da poco era arrivato l’esito drammatico degli esami ai quali Leonardo Monaco si era sottoposto. I genitori avevano incassato il colpo e avevano tentato di aiutarlo in ogni modo.

Il ragazzo accusava vari problemi fisici, fino a quando non gli è stata diagnosticata la leucemia mieloide.

La leucemia promielocitica acuta è una forma molto aggressiva di questo tipo di tumori del sangue.

Purtroppo, come anche rivelato dalla Fondazione Veronesi, andrebbe riconosciuta in tempo perché può causare proprio emorragie acute e decessi precoci.

Se viene riconosciuta, ha un tasso molto alto di guarigione. Pare che ben 9 pazienti su 10, infatti, riescano a guarire.

La tragedia ha lasciato sbigottita tutta la città di Forlì che si è stretta al dolore della famiglia. Il ragazzo frequentava il terzo superiore presso l’Istituto tecnico Statale della sua città ed era appassionato di elettrotecnica.

Non ci rimane che rivolgere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e augurarci che queste tragedie non avvengano più, visti i grandi passi avanti della ricerca sulle malattie oncologiche e non solo.