Carlo Conti, grande delusione. Il retroscena privato: ‘Mai più richiamato’

Il conduttore Rai si è lasciato andare ad un triste sfogo sui social. Carlo Conti racconta un retroscena molto triste.

Il presentatore di Top Dieci, Carlo Conti, ha voluto condividere con i fan un vecchio ricordo del passato che ha lasciato tutti senza parole. Non è solito raccontare la sua vita privata ma a volte si lascia andare a dei ricordi particolari.

Carlo Conti retroscena passato

Non l’aveva mai raccontato prima, anche forse per un po’ di imbarazzo. Carlo però oggi ha voluto condividere con il suo pubblico social un piccolo ricordo del passato.

LEGGI ANCHE –> Alessia Marcuzzi reazione strana dopo il vaccino: ‘Serve un’ambulanza?’

LEGGI ANCHE –>Sangiovanni drastico sul rapporto con Giulia: ‘Oggi non la voglio più’

Carlo Conti, il triste retroscena sul suo passato

Il conduttore è molto riservato sulla sua vita privata. Carlo Conti, infatti, non è solito fare interviste di coppia, coinvolgere sua moglie o suo figlio. Come è giusto che sia è geloso della sua privacy.

Ci sono ricordi però che meritano di essere condivisi soprattutto se caratterizzati da retroscena inediti e simpatici, per certi versi.

Carlo, poche ore fa, infatti, ha condiviso con i fan un particolare su una partita di beneficenza fatta in passato.

Conti mai più richiamato

Non ha mai nascosto di non essere un grande campione di calcio: c’è un motivo per cui ha scelto di dedicarsi al mondo dello spettacolo piuttosto che a quello dello sport, la sua attitudine di certo era più spostata da una parte piuttosto che dall’altra.

Carlo ha raccontato nel lontano 1990 il grandissimo Ferruccio Valcareggi lo convocò per una partita a scopo benefico. Gli diede la maglia nimero 7 e gli disse di correre tanto in mezzo al campo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carlo Conti (@carloconti.tv)


A fine partita però gli disse che nel campo era apparso come un Domenighini fermo alla fermata dell’autobus.

Da lì non è stato più convocato.

Un modo simpatico per ricordare un grande uomo del calcio quale Ferruccio Valcareggi.