Sarah, la ragazza uccisa dal poliziotto a Londra: arriva la conferma

Il femminicidio di Sarah Everard, 33 anni rapita e uccisa mentre rientrava a casa il 3 marzo nel sud di Londra,  ha sconvolto il Regno Unito.

L’autopsia sul corpo della donna è stato effettuato presso il William Harvey Hospital di Ashford, nel Kent, e in seguito è stata informata la famiglia di Sara.

Sarah Everard, uccisa mentre rientrava a casa

Il corpo della 33enne è stato trovato in un bosco nel Kent più di una settimana dopo la sua scomparsa, mentre la donna camminava diretta verso la sua casa da Clapham, nel sud di Londra, il 3 marzo.

Sarah dopo essersi specializzata in Geografia antropica, chiamata anche geografia umana, era in seguito divenuta direttrice marketing per un’agenzia di media digitali e viveva nella zona di Brixton Hill.

La sera in cui è stata uccisa, Sarah aveva messo in pratica tutto quello che viene suggerito alle donne per non subire violenza degli uomini negli spazi pubblici.

Ma non è bastato, in agguanto un insospettabile aggressore, colui che avrebbe dovuto proteggerla, le ha tolto la vita.

Wayne Couzens, un agente di polizia della Met in servizio, è stato accusato del suo rapimento e omicidio ed è in attesa del processo nei prossimi mesi di quest’anno.

Leggi anche -> Omicidio Maria Carmina Fontana, il marito confessa: “L’ho uccisa per gelosia”

Leggi anche -> Kerem Bursin, chi è il nuovo sex symbol turco: dall’infanzia nomade alle soap

Le ricerche, poi il ritrovamento

Nel descrivere la notte della scomparsa di Sarah Everard, l’ispettore investigativo ad interim Lee Tullett ha dichiarato:

“Dai suoi ultimi movimenti abbiamo accertato che ha partecipato a cena a un’amica dell’indirizzo dell’università a Clapham, nel sud di Londra”.

Durante il tragitto la giovane effettua una telefonata con il fidanzato e parla con lui 15 minuti. Viene visualizzata da una telecamera di un videocitofono alle 21.28, e poi scompare nel nulla.

Wayne Couzen viene arrestato il 9 marzo, si tratta di un agente di polizia del Comando di protezione parlamentare e diplomatica. Il corpo di Sarah è stato trovato a Hoads Wood, vicino ad Ashford, il 10 marzo.

Era stato fatto a pezzi, questo ha reso difficile in un primo momento il riconoscimento, avvenuto in seguito attraverso le impronte dentali

Sarah Everard è morta a causa della compressione del collo, secondo l’autopsia.  Si pensa che l’ufficiale di polizia in servizio accusato del suo omicidio fosse fuori servizio quando Sarah è scomparsa.