Omicidio Maria Carmina Fontana, il marito confessa: “L’ho uccisa per gelosia”

L’uomo, che si trova ora ricoverato all’ospedale San Luca, nel reparto psichiatrico, ha incontrato il gip per fornire la sua versione dei fatti.

Omicidio Lucca, Luigi Fontana - Maria Carmina

L’omicidio è avvenuto lo scorso venerdì nella casa di famiglia ad Altopascio, provincia di Lucca.

L’omicidio di Maria Carmina Fontana

Era lo scorso venerdì pomeriggio, 28 maggio, quando Luigi Fontana, muratore 54enne, ha ucciso la moglie, Maria Carmina Fontana, 50 anni, casalinga.

L’uomo ha accoltellato la donna, colpendola almeno una decina di volte con un coltello da cucina, poi ritrovato dagli inquirenti. Sarà poi l’esame autoptico a confermare quanti colpi abbia subito la vittima.

La tragedia familiare si è registrata ad Altopascio, paesino in provincia di Lucca.

Ad allertare i soccorsi quel pomeriggio era stata una vicina di casa, che aveva visto il 54enne nei pressi della sua abitazione, con le mani sporche di sangue.

La donna ha quindi allertato un’ambulanza, ma per Maria Carmina non c’è stato nulla da fare.

Il marito è stato invece fermato con l’accusa di omicidio volontario.

Leggi anche –> Incidente sul lavoro a San Vito al Tagliamento: operaio muore schiacciato da un muletto. Aveva 38 anni

Il movente del delitto

Luigi Fontana si trova ora ricoverato all’ospedale San Luca, nel reparto di psichiatria.

Lo scorso lunedì l’uomo è stato ascoltato dal gip ed ha fornito la sua versione dei fatti.

Maria Carmina lascia 2 figli, un maschio e una ragazza, che ha due bambini. I due coniugi sono entrambi originari di Casapesenna, paesino in provincia di Caserta, ma da tempo vivevano ad Altopascio.

Luigi Fontana ha riferito di aver ucciso la moglie per gelosia. Il 54enne ha confessato di aver colpito a morte Maria Carmina perché aveva le prove che la donna avesse una relazione extraconiugale.

Intanto, un’amica di Teresa Fontana, figlia della coppia, ha avviato una raccolta fondi per aiutare la ragazza e le sue due bambine di un anno e mezzo.