Gubbio, esplosione in un laboratorio di cannabis: morti una donna ed un ragazzo di 20 anni

Tre le persone ferite, una delle quali in gravi condizioni. Le esplosioni hanno provocato il crollo del solaio.

esplosione Gubbio

L’intera palazzina è andata quasi completamente distrutta.

Esplosione in un laboratorio di cannabis: due morti

Mentre il Paese piange ancora Luana D’Orazio, la giovane mamma morta sul lavoro in una fabbrica tessile a Oste di Montemurlo, non si ferma la scia di sangue delle morti sul lavoro.

Venerdì sera si è verificata una violenta esplosione in un laboratorio di cannabis a scopo terapeutico a Gubbio.

Il bilancio è di due vittime e tre feriti estratti dalle macerie, uno dei quali si trova ricoverato al centro grandi Ustionati di Cesena in gravissime condizioni.

🔴 #Esplosione #Gubbio (PG), individuato il corpo senza vita della donna dispersa sotto le macerie. Il bilancio è di due deceduti e tre feriti. Prosegue l’intervento dei #vigilidelfuoco per la messa in sicurezza dello scenario e accertamento delle cause [#7maggio 23:00] pic.twitter.com/FYGOKHArBa

— Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) May 7, 2021

Le cause

Come riferisce anche Tgcom24, secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, sarebbero avvenute più esplosioni nel laboratorio in cui vene trattata la cannabis a scopo terapeutico.

Nello specifico, il laboratorio si occupava di abbassare la concentrazione del principio attivo della cannabis per renderla quindi utilizzabile a scopo terapeutico.

Le deflagrazioni hanno provocato il crollo del solaio dell’abitazione sovrastante.

L’intera palazzina, che è andata quasi completamente distrutta, è stata posta sotto sequestro.

Secondo i primi controlli, l’esplosione potrebbe essere stata provocata dai solventi e le altre sostanze altamente infiammabili utilizzate per i processi di lavorazione.

Gli altri due feriti sono stati trasportati all’ospedale di Branca (Gubbio), con traumi da schiacciamento. Le loro condizioni non sarebbero particolarmente gravi.