Denise Pipitone: i Carabinieri a casa di Anna Corona. L’ipotesi del corpo nascosto in una botola

La Procura di Marsala ha disposto nuovi accertamenti per far luce sulla vicenda della bambina scomparsa da Mazara del Vallo il 1° settembre del 2004.

Perquisizione casa di Anna Corona
Foto da Chi l’ha visto?

Anna Corona è l’ex moglie di Pietro Pulizzi, padre naturale della piccola Denise Pipitone.

Le nuove indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone

Dopo 17 anni dalla scomparsa della piccola Denise Pipitone, la Procura di Marsala ha disposto la riapertura delle indagine sul caso della bambina di Mazara del Vallo.

La piccola sparì nel nulla, il 1° settembre del 2004, mentre si trovava a casa della nonna.

Denise, che all’epoca della scomparsa aveva 4 anni, svoltò l’angolo per seguire un cuginetto e da quella mattina iniziò un vero e proprio inferno per i genitori della piccola.

La Procura di Marsala, dopo l’ennesimo buco nell’acqua della 21enne russa che sembrava aver riacceso le speranze, ha deciso di tornare ad indagare sulla sparizione della bambina.

Ispezione a casa di Anna Corona

Sin da quel primo settembre di 17 anni fa le indagini si sono sempre concentrate nella sfera familiare, in particolare intorno alla figura di Anna Corona e della figlia, Jessica Pulizzi.

Proprio Jessica era finita sotto processo con l’accusa di concorso in sequestro di persona, prima di essere assolta in tutti e tre gradi di giudizio per mancanza di prove.

Anna Corona è l’ex moglie di Pietro Pulizzi, attualmente coniugato con Piera Maggio, e padre naturale della piccola Denise.

In una delle ultime puntate della trasmissione di Federica Sciarelli, Piera Maggio aveva lanciato pesanti accuse contro Anna Corona.

“NON SI È MAI CAPITO COSA VOLESSE DA ME LA SIGNORA CORONA, NON SONO MAI STATA AMICA DI QUESTA PERSONA. IO PENSO CHE LEI FOSSE GELOSA DI ME COME PERSONA, MA NON SOLO PER IL SUO MATRIMONIO FINITO MALE. HO SEMPRE SOSTENUTO CHE SI FOSSE INFATUATA DI ME. È TUTTO SCRITTO AGLI ATTI”

riferendosi all’ex moglie del suo attuale marito.

Questa mattina, dopo la ripresa delle indagini, i Carabinieri hanno perquisito l’abitazione di Anna Corona a Mazara del Vallo.

Come riferisce anche Fanpage, agli inquirenti sarebbe giunta una segnalazione anonima che ha parlato di una botola e di alcuni lavori di ristrutturazione effettuati nella casa di Anna Corona.

Nella segnalazione si fa riferimento proprio al fatto che il cadavere della piccola Denise possa essere celato da un muro costruito appositamente nell’abitazione dell’ex moglie di Pietro Pulizzi.

I carabinieri stanno quindi accertando l’esistenza di questa presunta botola che porterebbe a uno scantinato in quella che all’epoca della scomparsa era la casa di Anna Corona.

L’abitazione, che è stata poi venduta ad una famiglia straniera, non sarebbe mai stata ispezionata dagli inquirenti.

Proprio nel corso della trasmissione di Federica Sciarelli sarebbe emersa questa importante novità.

La mattina della scomparsa della piccola Denise, gli inquirenti avrebbero controllato un’abitazione, credendo fosse quella di Anna Corona. In realtà si trattava di un’altra casa.

Al momento non sono emerse accuse formali, ma l’obiettivo della Procura è quello di far luce su anni di depistaggi e omissioni che sembrerebbero aver caratterizzato questo caso di cronaca nera, mai risolto.

Leggi anche –> Prato, morte Luana D’Orazio: due indagati per il decesso della 22enne. Sequestrati i macchinari

Da 17 anni Piera Maggio e Pietro Pulizzi lottano perché venga fatta chiarezza su quanto accaduto alla loro bambina.