Treviso, accoltellata da un 16enne mentre fa jogging: Marta Novello lotta per la vita

La ragazza di 26 anni è già stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico, per l’aggravarsi delle sue condizioni.

accoltellata mentre fa jogging, Marta Novello - le condizioni

L’aggressore, che ha già precedenti penali, è stato fermato e condotto in carcere.

Accoltellata mentre fa jogging

Stava correndo in direzione del Terraglio, a Mogliano Veneto, provincia di Treviso, quando un ragazzino in bicicletta l’ha sorpresa alle spalle e l’ha aggredita.

Vittima della violenta aggressione una ragazza di 26 anni, Marta Novello, che stava facendo jogging in una stradina di campagna.

A colpirla, con almeno 10 coltellate, un ragazzino di 16 anni, anche lui residente a Mogliano, ma di origini straniere.

Tra la ragazza e l’adolescente sarebbe nata una violenta lite, a seguito della quale, Marta sarebbe caduta nel fossato che costeggia la strada.

Stessa sorte per l’adolescente. Le urla della 26enne hanno attirato l’attenzione di alcuni operai presenti in zona, che hanno tirato fuori dall’acqua sia la ragazza che l’aggressore, pensando inizialmente ad un incidente.

Marta Novello è stata trasferita in gravi condizioni all’ospedale, dove è già stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.

Arrestato il 16enne

L’adolescente che l’ha aggredita, forse allo scopo di rapinarla, è stato arrestato poco dopo grazie all’intervento delle forze dell’ordine.

Leggi anche –> Scomparsa di Khrystyna Novak, svolta nelle indagini: arrestato il presunto assassino della 29enne

Leggi anche –> Omicidio di Faenza, la confessione choc di Barbieri: “Ho tentato di ucciderla altre due volte”

Trasferito in carcere, nelle prossime ore verrà interrogato per riferire quanto commesso.

La ragazza, figlia di un noto politico della zona, lotta tra la vita e la morte in un letto d’ospedale al Ca’ Foncello di Treviso.

Le sue condizioni – come riferisce anche Tgcom24 – sono giudicate molto gravi.

La notizia della violenta aggressione ha destato profonda rabbia in quanti conoscono Marta, che ora si stringono attorno alla sua famiglia, perché riceva presto buone notizie.