Hai mai sentito parlare della medicina psichedelica? Ecco cos’è

Medicina psichedelica: una definizione ancora poco conosciuta. Ma di cosa si tratta?

medicina psichedelica
medicina psichedelica

Medicina psichedelica: due parole, ancora tanto da capire.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato l’esketamina, un farmaco che produce effetti psichedelici.

Tale sostanza è stata presa in considerazione per curare la depressione, il primo psichedelico che abbia mai cancellato questo limite.

Nel frattempo, la FDA ha concesso lo status di “terapia innovativa“.

Una designazione che consente una ricerca accelerata – di studiare l’MDMA (chiamato anche “estasi”) come trattamento per il disturbo da stress post-traumatico.

Non solo: anche per avviare ricerca sulla psilocibina come trattamento per la depressione.

Farmaci psichedelici sono per tutti?

Anche se questi e altri farmaci psichedelici si dimostrano promettenti come trattamenti per malattie specifiche, c’è un ma.

L’approvazione della FDA significa che i medici potrebbero anche prescriverli per altri scopi “off-label“.

In ciò, è incluso il miglioramento della qualità della vita delle persone che non soffrono di alcun disturbo.

Quindi, se l’MDMA ottiene l’approvazione come trattamento per il DPTS, gli psichiatri potrebbero prescrivere il farmaco per scopi molto diversi.

In effetti, prima che il governo federale vietasse l’MDMA, i terapisti hanno riportato un notevole successo nell’uso dell’MDMA per migliorare la qualità delle relazioni intime.

Ricerche recenti rafforzano queste affermazioni, scoprendo che il farmaco aumenta l’empatia emotiva, aumenta i sentimenti di vicinanza e promuove la riflessione e la contemplazione.

Anche se la psilocibina ha mostrato potenziale come trattamento per la depressione e l’ansia, i medici potrebbero anche prescrivere il farmaco per promuovere il benessere di individui sani.

Medicina psichedelica: la ricerca

I ricercatori di Johns Hopkins hanno somministrato la psilocibina a partecipanti sani senza storia di uso di allucinogeni.

Quasi l’ottanta per cento ha riferito che le loro esperienze “hanno aumentato il loro attuale senso di benessere personale o soddisfazione della vita, moderatamente o molto“.

Effetti che persistevano per più di un anno. ‌

Tuttavia, mentre la FDA generalmente non regola le pratiche di prescrizione dei medici, una legge federale chiamata Controlled Substances Act negli USA proibisce loro di prescrivere senza un “legittimo scopo medico“.

Sebbene questo divieto miri a impedire ai medici di agire come trafficanti di droga, la legge americana in particolare non spiega quali scopi si qualificano come “legittimi“.

Inoltre, non distingue le prescrizioni valide da quelle che consentono semplicemente l’abuso illecito di stupefacenti da parte dei pazienti.

La prescrizione di un farmaco psichedelico semplicemente per promuovere l’empatia o aumentare la “soddisfazione della vita” rientrerebbe nell’ambito della medicina legittima?

A molti la risposta può sembrare ovvia: per qualificarsi come uso “medico”, un farmaco deve essere prescritto per curare una malattia.

In realtà, la pratica medica ha sempre incluso interventi volti a promuovere il benessere di individui sani.

La medicina psichedelica è il futuro?

Dopo molti decenni, durante i quali la ricerca psichedelica è stata soffocata dalle leggi repressive sulle droghe e dallo stigma, stiamo finalmente riaprendo le porte a questo campo fertile.

Vengono scoperti i potenziali benefici dell’uso responsabile degli psichedelici in contesti terapeutici.

I media si interessano a queste scoperte e sta prendendo piede un nuovo entusiasmo per ciò che gli psichedelici possono offrire sia alla scienza che alla società.

La combinazione di conoscenze neuroscientifiche avanzate, moderna tecnologia di imaging del cervello e psichedelici fornisce un microscopio unico alla mente.

Ci permette di mappare i cambiamenti nella coscienza ai cambiamenti nell’attività neuronale e fisiologica.

Questo apre un nuovo universo in cui possiamo esplorare nuovi percorsi per curare molte delle nostre malattie più intrattabili e per espandere la nostra comprensione della coscienza stessa.

Vedremo come si evolverà questo campo per capire come applicare questo approccio ai disturbi della mente in maniera responsabile e corretta.