Emergenza Coronavirus: Aeroporto di Milano Linate verso la chiusura

Emergenza Coronavirus: Aeroporto di Linate verso la chiusura

Con l’emergenza del coronavirus e la revisione della programmazione dei voli aerei da e verso l’Italia, è sempre più probabile la chiusura dell’aeroporto di Linate.

A seguito del decreto emanato ieri sera dal Governo Conte è probabile che sia in arrivo un decreto del Ministero dei Trasporti che prevederebbe la chiusura dell’aeroporto di Linate e degli altri aeroporti su tutto il territorio italiano.

Questo è quanto si apprende dall’Ansa.

Allo studio ci sarebbe l’ipotesi di chiudere il Terminal 1 di Malpensa con il mantenimento in attività del Terminal 2 e dell’area Cargo. 

Anche se al momento non è stata ufficializzata la decisione sono in corso valutazioni tra Esecutivo, aeroporti ed Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile).

Emergenza coronavirus: aperto Aeroporto di Bergamo Orio al Serio

Resterà operativo l’Aeroporto di Bergamo Orio al Serio, secondo quanto riportato dall’agenzia Agi.

Lo scalo rimarrà aperto per il posizionamento di aeromobili, per i voli di Stato e di emergenza.

Questa ipotesi è al vaglio del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli.

Emergenza Coronavirus: ridimensionamento Aeroporto di Roma

L’Aeroporto di Roma informa di aver predisposto un piano di ridimensionamento dell’operatività dei terminal passeggeri di Fiumicino e Ciampino.

A partire da martedì 17 marzo, nell’aeroporto ‘Leonardo da Vinci’ verrà temporaneamente reso inoperativo il Terminal 1.

Il Terminal 3 resterà pienamente operativo e da qui saranno svolte tutte le operazioni di check-in, i controlli di sicurezza e la riconsegna bagagli.

Rimarranno invariate le attività di aviazione generale, quelle degli enti di Stato e l’aviazione cargo.

Emergenza coronavirus: verso la chiusura degli aeroporti

L’Enac ha proposto al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli la chiusura degli aeroporti di Verona, Firenze, Ciampino, Reggio Calabria, Brindisi, Linate, Bergamo Orio al Serio.

Si tratta di uno scenario infrastrutturale aeroportuale minimo che sarebbe in grado di

“garantire la mobilità del trasporto aereo all’interno del territorio nazionale”.

Rimarrebbero comunque aperti gli aeroporti di Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano Malpensa, Napoli Capodichino, Palermo, Pantelleria, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Venezia Tessera.