Lotteria degli Scontrini, come ricevere il codice? Portale e regolamento

Codice Lotteria degli Scontrini: è online dal 9 marzo 2020 il portale

È online dal 9 marzo 2020 il portale dell’Agenzia delle Entrate Codice lotteria degli scontrini: ecco come si richiede e le regole per la verifica delle estrazioni.

Nonostante l’emergenza Coronavirus da ieri 9 marzo 2020 è online il Portale dell’Agenzia delle Entrate e delle Dogane, che consentirà di richiedere l’identificativo per partecipare alle estrazioni.

Online sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile leggere la guida tematica, ma la lotteria degli scontrini partirà dal 1° luglio 2020.

Si ricorda che la partecipazione alle estrazioni mensili, annuali e settimanali è subordinata alla comunicazione del codice lotteria all’esercente commerciale prima dell’emissione dello scontrino.

Portale Lotteria da 9 marzo: come si richiede?

A partire da ieri 9 marzo 2020 è online il portale Lotteria attraverso il quale sarà possibile richiedere il codice per partecipare alle estrazioni.

Non sarà necessario registrarsi al Portale Lotteria per richiedere il codice lotteria, ma basterà inserire il proprio codice fiscale sul sito e ottenere il codice alfanumerico da mostrare all’esercente prima dell’emissione dello scontrino.

Per richiedere il codice Lotteria non sarà necessario essere in possesso di credenziali SPID o Fisconline.

Il codice Lotteria sarà disponibile nell’area ad accesso libero del Portale Lotteria.

Nel caso di smarrimento di un codice sarà possibile richiedere più codici.

Il Codice Lotteria potrà essere salvato sul proprio dispositivo elettronico e potrà essere stampato.

Codice Lotteria Scontrini 2020: cos’è?

Nel pieno rispetto della normativa sulla privacy il Codice per la lotteria degli scontrini è un codice alfanumerico, composto da 8 caratteri, associato in maniera casuale al codice fiscale del contribuente/consumatore/utente.

Il Codice Lotteria degli scontrini consente di accedere alla lotteria degli scontrini, per questo deve essere comunicato all’esercente commerciale al momento dell’acquisto o della conclusione di un servizio.

Il negoziante dovrà provvedere alla registrazione mediante strumenti di lettura ottica.

Ogni esercente commerciale dovrà dotarsi di un registratore di cassa telematico che consente di inviare i dati dei corrispettivi telematici.