Canone Rai in bolletta: come funzionerà il pagamento nel 2020?

Canone Rai 2020: i contribuenti detentori di un apparecchio televisivo dovranno pagarlo con l’energia elettrica?

Anche per il canone Rai 2020 chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve pagare il canone TV.

Come sancito dalla Legge R.D.L.21/02/1938 n.246 si tratta di un’imposta sulla detenzione dell’apparecchio e deve essere pagata indipendentemente dall’uso del televisore.

Quali apparecchiature televisive sono “gravate” dal Canone Rai 2020? Devono ritenersi assoggettabili a canone tutte le apparecchiature munite di sintonizzatore per la ricezione del segnale di radiodiffusione dall’antenna radiotelevisiva.

Sono esclusi tutti i personal computer, anche collegati in rete, se consentono l’ascolto e/o la visione dei programmi radiotelevisivi via Internet.

Canone Rai 2020: come si paga?

Per l’anno 2019 l’importo del canone di abbonamento alla televisione per uso privato resta invariato e ammonta a euro 90.

Il pagamento avviene mediante addebito sulle fatture di energia elettrica in 10 rate mensili, da gennaio a ottobre.

Nel caso in cui nessun componente del nucleo familiare è titolare di contratto elettrico di tipo domestico residenziale, il canone deve essere versato con il modello F24 entro il 31 gennaio 2020.

Per i pensionati che vogliono pagare il canone TV direttamente con addebito sulla pensione, è necessario farne richiesta all’INPS entro il 15 novembre dell’anno precedente a quello cui si riferisce l’abbonamento.

L’agevolazione riguarda tutti i pensionati con reddito non superiore a 18.000 euro.

Le modalità di presentazione dell’istanza sono stabilite da ciascun ente previdenziale che provvederà a comunicare al pensionato l’esito della domanda.

Esonero Canone Rai 2020

Sono esonerati dal pagamento del Canone Rai 2020 i cittadini ultrasettantacinquenni con un reddito più basso di 8.000€, i militari, i diplomatici, gli invalidi civili che soggiornano in una Casa di riposo e i proprietari di immobili concessi in locazione e coloro che non detengono alcun apparecchio televisivo.

Si ricorda di procedere con la presentazione della richiesta tramite il portale dell’Agenzia Delle Entrate o spedire una lettera raccomandata all’indirizzo:

Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.