Febbre del bambino: cosa non fare assolutamente, i consigli per affrontarla senza paura

La febbre nel bambino è un evento comune ma sempre fonte di ansia per i genitori. I consigli dei pediatri sui passi da fare in caso di temperatura elevata.

Febbre bambino

La febbre nei primi anni di vita di un bambino è un evento molto comune e soprattutto per quanto riguarda i primi figli è un fattore di grande preoccupazione per i genitori. Ecco allora un’utile guida con le 5 mosse da fare consigliate dai pediatri e le cose da evitare in caso di temperatura elevata.

La febbre: un meccanismo naturale di difesa

Il primo concetto che un genitore che si trovi ad affrontare un rialzo di temperatura in un bambino è che la febbre non è una malattia e non è correlata al grado di gravità dell’infezione in corso.

Essa infatti è un meccanismo di difesa naturale del nostro organismo nei confronti degli agenti patogeni con cui veniamo a contatto ed è indicazione che il nostro sistema immunitario sta reagendo.

Questo significa che non va per forza abbassata ma anzi va considerata come un “alleato” che aiuta il bambino a guarire.

E’ fondamentale perciò agire con calma e conoscendo le misure da effettuare e quelle, specie riferite dalla tradizione o da amici e parenti.
Essenziale è infatti fare sempre riferimento alle indicazioni del pediatra di base sia per questo che per i vari rischi per la salute  che può incontrare un bambino, come riportato in numerosi opuscoli informativi della FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri).

5 mosse per gestire la febbre in modo corretto

La febbre dunque va gestita in maniera corretta per evitare errori che potrebbero peggiorare la situazione.

1- Misurare la temperatura in maniera corretta

Il primo paso è accertarsi che vi sia un effettivo rialzo della temperatura corporea.
A tal proposito si considera febbre una temperatura che superi i 37,5 °C.
La misurazione più precisa è quella presa per via ascellare con strumenti precisi ed affidabili.

2- Osservare il comportamento del bambino

Il primo indicatore che è necessario intervenire sulla febbre è il comportamento del bambino: non è infatti raro che con temperature anche molto elevate i bambini si comportino in maniera naturale. Se invece il bambino mostra un evidente malessere, non mangia, non gioca ed è apatico allora si può far ricorso all’antipiretico.

3- Somministrare l’antipiretico nei modi e tempi adeguati

Non fare mai di testa propria attenersi scrupolosamente alle indicazioni del pediatra che doserà l’antipiretico più adatto al bambino secondo il suo peso. Prediligere la via orale e solo dopo che questa non fa effetto ( attendere il giusto tempo d’azione)provare con la formula rettale.

4- Assecondare il bambino

Non costrimgere il bambino a comportamenti che non desidera ma assecondarlo nei suoi desideri naturali.
Piuttosto che mangi ad esempio è utile che beva dunque offrirgli spesso acqua. Assecondarlo anche se desidera coprirsi o scoprirsi

5- Far sempre riferimento al periatra

Chiamare subito il pediatra qualora il bambino con febbre abbia meno di un mese: in quel caso è necessario il ricovero.
Ne bimbi più grandi rivolgersi al pediatra in caso di concomitante vomito o diarrea importanti, se il bambino non è consolabile o bagna pochi pannolini.

Cosa non fare assolutamente!

  • In caso di febbre non bisogna innanzitutto farsi prendere dal panico: ogni azione fatta in questo stato può peggiorare la situazione.
  • Non eccedere con le medicine: ad esempio alternando i principi attivi, o ricorrendo all’antibiotico o al cortisone senza il parere del pediatra
  • Non utilizzare metodi fisici per abbassare la temperatura come bagni ghiacciati, aceto ecc..possono creare ulteriore irritazione nel bambino
  • Non coprire eccessivamente il bambino: a meno che non abbia brividi lasciarlo più svestito possibile sempre tenendo la temperatura dell’ambiente ad un grado corretto.

Con tali accorgimenti suggeriti dai pediatri il bambino supererà in maniera positiva l’esperienza della febbre così comune durante l’infanzia soprattutto durante la stagione fredda.