Governo Conte Bis, la Camera dice si in attesa di oggi con il Senato tra proteste e tensione

La Camera ha detto si al governo Conte 2 mentre oggi è il momento del Senato. Tra fischi e tensioni che cosa accadrà?

Governo Conte Bis
Governo Conte Bis

Il governo Conte Bis ha superato lo step della Camera con molta fatica e oggi si attende il voto del Senato.

La fiducia della Camera per il Premier

Nonostante un clima da stadio e una manifestazione contro questa coalizione, all’esterno in Piazza Montecitorio da parte di Matteo Salvini e Giorgia Meloni – la Camera ha votato per la fiducia.

La fiducia è stata raggiunta con 343 voti favorevoli contro i 263 contro e 3 astenuti. Nella giornata di oggi lo step successivo è il Senato, dove i numeri di maggioranza della coalizione di Pd M5S e Leu sono in numero inferiore.

Un clima molto teso, durante il discorso del Premier che ha portato ad una bagarre di più di un’ora e mezza con sottofondo tra urla e schiamazzi. Il discorso più lungo nella storia della Camera che ha toccato tutti i punti di quello, che vorrà essere il futuro per questa coalizione.

Il programma del Premier

In un discorso di un’ora e mezza si sono toccate varie linee e punti fondamentali, tra cui manovra di bilancio sino al debito pubblico che arriva sino ad una riduzione delle tasse con salario corretto per tutti i lavoratori.

Le riforme che verranno prese in considerazione saranno giustizia, taglio dei parlamentari, fisco, legge elettorale e una revisione del decreto sicurezza. Non è mancato il punto relativo alle grandi e piccole opere per un’Italia green ed ecologica.

Un occhio anche sulla famiglia, con interventi per l’istruzione/asili nidi e una legge per gli stipendi femminili di norma più bassi di quelli maschili.

Si è anche addentrato all’interno della problematica sulla concessione delle autostrade:

“porteremo avanti il procedimento senza alcuno sconto e interessi privati”

Infine il Reddito di Cittadinanza che verrà implementato e messo di nuovo a regime.