Tutto quello che devi sapere sul miele

Il miele è un liquido dolce fatto dalle api usando il nettare dai fiori. È classificato in base al colore. Ecco tutto quello che devi sapere sul “nettare degli dei“.

miele
miele

Benefici del miele 

Guarigione di ferite e ustioni

Il miele è stato consumato per migliaia di anni per i suoi presunti benefici per la salute. Il miele è stato consumato per migliaia di anni per i suoi presunti benefici per la salute.

Ci sono stati alcuni casi in cui le persone hanno riportato effetti positivi dell’uso del miele nel trattamento delle ferite.

Una recensione pubblicata su The Cochrane Library ha indicato che il miele potrebbe essere in grado di aiutare a curare le ustioni. L’autore principale dello studio ha affermato che “il miele topico è più economico di altri interventi, in particolare gli antibiotici per via orale, che sono spesso usati e possono avere altri effetti collaterali deleteri“. Tuttavia, mancano prove a sostegno di questa affermazione.

Il miele non dovrebbe mai essere somministrato ai bambini piccoli in quanto può causare botulismo, un raro ma grave tipo di intossicazione alimentare.

Ridurre la durata della diarrea

Secondo le recensioni basate sulla ricerca sul miele, è stato dimostrato che riduce la gravità e la durata della diarrea. Il miele promuove anche un aumento dell’assunzione di potassio e acqua, il che è particolarmente utile quando si verifica la diarrea.

Una ricerca condotta a Lagos, in Nigeria, suggerisce che il miele ha anche dimostrato la capacità di bloccare le azioni dei patogeni che comunemente causano la diarrea.

Prevenire il reflusso acido

Ricerche recenti hanno dimostrato che il miele può ridurre il reflusso gastrico e cibo non digerito rivestendo l’esofago e lo stomaco.

Ciò ha contribuito a ridurre il rischio di malattia da reflusso gastroesofageo (GERD). GERD può causare infiammazione, reflusso acido e bruciore di stomaco.

Combattere le infezioni

Nel 2010, alcuni scienziati dell’Academic Medical Center dell’Università di Amsterdam hanno riferito nel FASEB Journal che la capacità del miele di uccidere i batteri risiede in una proteina chiamata defensin-1.