Nonni e nipoti, il loro rapporto migliora l’esistenza e allunga la vita

Nonni e nipoti, scopriamo perchè il loro rapporto risulti essere un connubio perfetto e indispensabile per  una crescita sana e salutare

Nonni e nipoti un alleanza perfetta

I nonni sono da sempre una presenza cardine per la crescita dei nipoti. Non solo per una questione di risorse da investire, ma perché possiedono un’attitudine giovanile che li differenzia da quelli del passato.

Il rapporto tra anziano e bambino

Subito dopo i genitori, le persone che amano di più i bambini sono i nonni caratterizzati da un’amore incondizionato da donare ai nipoti.

Nell’attuale contesto socio-culturale i genitori sono sempre più assorbiti dal lavoro e dai vari impegni quotidiani, così viene a mancare il tempo necessario da dedicare ai bambini e per stare in famiglia.

Coloro che hanno la fortuna di condividere il loro tempo con i nonni si arricchiranno di esperienze che si trasformeranno un domani in ricordi, in tesori emotivi preziosi.

I progenitori aiutano i figli spesso anche con un aiuto economico, a rafforzare i legami familiari e il rapporto che si viene a creare tra loro è qualcosa di molto speciale.

I genitori da sempre si impegnano a trasmettere buoni valori e comportamenti ai figli ma le lezioni che provengono dai nonni, vengono assimilate in modo più profondo.

La saggezza degli antenati nasce dall’esperienza e dal duro lavoro di una vita. Attraverso una storia possono trasmettere un consiglio e far riflettere il bambino.

Essi sono delle figure chiavi, quanto più tempo i ragazzi trascorrono con loro maggiori saranno gli insegnamenti validi che riceveranno.

Inoltre la presenza costante e la partecipazione allo sviluppo del minore creerà un legame unico e indissolubile.

L’importanza dei nonni

Viviamo in una società caotica e disorientata, in cui la visione del mondo è distorta dalla frenesia e dalla soddisfazione immediata dei bisogni.

In questo contesto socio-culturale i progenitori sono una certezza, forse una delle poche rimaste. Non rappresentano una soluzione facile per la gestione dei piccoli, ovvero un surrogato di tate e baby sitter.

Avendo maggior tempo da dedicare ai nipoti possono trasmettere i valori autentici, ciò che costituisce un pilastro per lo sviluppo e la socializzazione del bambino.

Il ruolo dei progenitori è un ruolo senza ruolo, poiché non è legato a nessun vincolo prestabilito, come accade invece per le figure genitoriali.

Non si sostituiscono ad essi, bensì li affiancano ascoltando i bisogni del bambino, senza conquistarlo con gratificazioni materiali.

La relazione nonno-nipote trasmette il senso di appartenenza a un gruppo, all’interno del quale lo scambio di aiuto e appoggio è reciproco e dipende dalle necessità.

Se si vuole trasformare tale relazione in un’occasione di crescita reciproca e di co-educazione è indispensabile avere il coraggio di dire no.

Per questo è essenziale che i nonni raccontino la loro storia ai nipoti e che narrino le condizioni di vita in cui essi sono cresciuti. Inoltre è importante che raccontino episodi e situazioni dell’infanzia dei loro figli.

Per instaurare un dialogo fecondo e aiutare il minore a sviluppare la propria identità è fondamentale rispettare le proprie attitudini e peculiarità.

Inoltre i bambini mantengono giovani i nonni e nè rappresentano l’elisir di giovinezza.

Essere nonni è un dono straordinario e prendersi cura dei piccoli con amorevolezza è un compito entusiasmante, una ventata di fresca vitalità che riempie di gioia le giornate degli anziani.

Nonni e nipoti sono una squadra vincente, altro che baby sitter,  quest’ultimi oltre ad occuparsi dei piccoli a giocare con loro, aiutarli nello studio, fare loro da mangiare e portarli a scuola, costruiscono un legame prestigioso per la crescita dei nipotini e ma anche ideale per la salute dei nonni.

Basti pensare che occuparsi dei bimbi mantiene attivi soprattutto perchè i nipotini corrono da una parte all’altra e stargli dietro è una vera palestra.