Usa, “morto il figlio di bin Laden”: la notizia fa il giro del mondo, Trump non commenta

Hamza bin Laden, nuovo leader di al Qaeda, sarebbe morto: secondo la Nbc gli Usa avrebbero ottenuto informazioni di intelligence

Hamza bin Laden
Hamza, figlio di bin Laden

Hamza, figlio di Osama bin Laden nonché suo erede nella gestione di al Qaeda sarebbe morto. E’ questa l’indiscrezione trapelata nelle ultime ore dall’emittente americana Nbc secondo cui gli Usa sarebbero entrati in possesso di informazioni fornite da fonti di intelligence.

007 Usa: “Hamza bin Laden è morto”

Al momento non vengono aggiunti ulteriori dettagli su cause, modalità o eventuali luoghi in cui sarebbe morto Hamza, considerato il leader emergente di al Qaeda. La Nbc, infatti, si è limitata solo a citare tre funzionari americani senza tuttavia specificare il loro ruolo nella vicenda. Al momento, dunque, non è chiaro se il figlio di Osama bin Laden sia stato ucciso e se e quale ruolo avrebbero avuto gli americani nella sua presunta fine.

“Non voglio commentare”.

E’ stato questo il secco commento rilasciato dal presidente Usa, Donald Trump, interpellato dai giornalisti sulla notizia della presunta morte di Hamza bin Laden.

Una taglia per la sua cattura

Lo scorso marzo Washington aveva messo una taglia da un milione di dollari per la cattura di Hamza, figlio ed erede di Osama bin Laden, finito nel mirino degli apparati di sicurezza.

Dopo la morte del padre, avvenuta nel 2011 in Pakistan, il giovane aveva minacciato esplicitamente gli Usa di compiere attentati terroristici allo scopo di vendicare l’uccisione del genitore. Hamza, sin da bambino era apparso nei video di propaganda di al Qaeda proprio al fianco del padre.

Era il 1996 quando Osama si trasferì in Afghanistan dichiarando pubblicamente guerra agli Usa, ed anche in quella circostanza il figlio, all’epoca ancora un bambino, era al suo fianco. Dalla morte del padre, tuttavia, di Hamza non si ebbero più notizie.

Lo scorso anno uno dei suoi fratellastri rivelò al Guardian la possibilità che Hamza potesse essere in Afghanistan, dove aveva sposato la figlia di Mohammed Atta, l’uomo a capo del commando di dirottatori che agì nella strage dell’11 settembre contro le Torri Gemelle.