Home Cronaca Piacenza, 18enne aggredisce il prof con lo spray al peperoncino: avevano una...

Piacenza, 18enne aggredisce il prof con lo spray al peperoncino: avevano una storia

CONDIVIDI

Professore denuncia l’allieva 18enne per averlo aggredito con dello spray urticante a peperoncino: avevano una relazione.

18enne aggredisce prof

 

La denuncia di un professore a seguito dell’aggressione subita da parte di un’allieva dii diciotto anni.

Aggredisce il professore con lo spray

Questo quanto accaduto ad un professore di Piacenza, che ha sporto denuncia nei confronti delle giovane, ora agli arresti domiciliari.

Tuttavia, dalle indagini su quanto accaduto, la Procura di Piacenza ha voluto vederci chiaro, e ora l’uomo di 50 anni dovrà spiegare ben altro.

In effetti non si tratterebbe di episodi di stalking e di pedinamenti perpetrati dalla giovane senza un motivo: i due avevano una relazione. Particolare che il professore aveva omesso di dichiarare al momento della denuncia.

L’assillo a cui veniva sottoposto l’uomo, da parte della giovane  era sfociato nell’aggressione con lo spray urticante e l’intera vicenda era finita con l’arresto della 18enne, finita poi con i domiciliari su richiesta del pm Matteo Centini.

La relazione clandestina

La storia raccontata da vari giornali tra cui Notizie.it, parla di un uomo, sposato, il quale avrebbe iniziato una relazione clandestina con la sua “stalker” tra le mura della scuola.

Tuttavia volendo troncare la relazione amorosa, l’uomo decideva di tenere a distanza la giovane, che per contro lo riempiva di chiamate e pedinamenti, che sono stati mostrati agli inquirenti.

Il prof aveva fornito una sua “particolare” versione, dell’accaduto. Si era ben guardato dal raccontare le reali motivazioni della giovane, che nel frattempo si era innamorata del docente.

L’uomo l’aveva dipinta come una persona pericolosa e aggressiva, di cui temeva il comportamento. Considerato che lo aveva anche aggredito con lo spray urticante,

Dopo aver raccolto la testimonianza della giovane, venivano revocati gli arresti domiciliari a seguito della richiesta dell’avvocato Annamaria Grossi.

Resta invece alla ragazza il divieto di avvicinarsi a al professore.